BERNANKE: «FRENA L’ECONOMIA (PER I MUTUI)». E FA CALARE IL DOLLARO

6 Maggio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Il dollaro si e’ indebolito all’improvviso nei confronti di 11 delle 16 monete piu’ scambiate sul forex dopo che il chairman della Federal Reserve Ben Bernanke ha detto in un discorso che la situazione dei mutui incidera’ sulla crescita economica americana e sul mercato immobiliare. Il dollaro e’ sceso a $1.5519 nei confronti dell’euro negli scambi a Tokyo. Bernanke ha detto che “servono iù sforzi da parte del governo e delle istituzioni per evitare pignoramenti”: “le politiche del settore pubblico e di quello privato devono tenere in considerazione che le tradizionali strategie per evitare i pignoramenti potrebbero non funzionare in modo adeguato in questo contesto”.

Lo ha detto il presidente della Fed, Ben Bernanke, precisando che “molti americani pagano i propri mutui in tempo e non corrono rischi. Ma il numero dei pignoramenti sta aumentando con possibili effetti sul mercato immobiliare, su quello finanziario e sull’economia. Quindi fare quello che possiamo per evitare pignoramenti è nell’interesse di tutti”.

Bernanke si è inoltre soffermato sulla necessità di un ruolo più decisivo di Fannie Mae e Freddie Mac, i due colossi del credito immobiliare a garanzia pubblica: “E’ un momento particolarmente adatto affinché si muovano rapidamente per rafforzare il proprio capitale” così da aiutare il mercato immobiliare.

parla di questo articolo nel Forum di WSI