BERNANKE AL SENATO PER IL SECONDO MANDATO

2 Dicembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Il presidente della Fed Bernanke si prepara a presentarsi davanti al Senato per la conferma del secondo mandato alla Banca Centrale Usa. La maggior parte degli economisti lo promuove e l’appoggia. La politica lo critica per come ha gestito la crisi e per non aver saputo prevenirla. Tuttavia, la riconferma – secondo gli osservatori – appare scontata.

Questo non toglie che Bernanke si trovera’ a gestire un’audizione infuocata, durante la quale cerchera’ di difendere l’indipendenza della Fed. Potere attaccato e minacciato dai progetti di legge al vaglio del Congresso per la riforma delle regole del sistema finanziario. Pronti a difendersi dagli attacchi esterni, Bernanke e altri esponenti della Fed sono al momento impegnati a discutere l’approccio seguito dalla banca centrale nell’ultimo decennio, concentrandosi sulle bolle finanziarie che rappresentano ”probabilmente il problema piu’ difficile del decennio per la politica monetaria”.

Bernanke – riporta il Wall Street Journal – vuole utilizzare i poteri della Fed come autorita’ regolatoria per sgonfiare eventuali bolle ma ”la commissione bancaria del Senato ha allo studio un progetto per ridurre i poteri della Fed”. Allo stesso tempo la Camera americana sta vagliando una proposta per limitare l’indipendenza della Fed, che potrebbe essere sottoposta al controllo del Government of Accountability Office(la Corte dei conti americana).