Berlusconi rinviato a giudizio

7 Febbraio 2012, di Redazione Wall Street Italia

MILANO – Silvio Berlusconi andrà a processo. Lo ha deciso il gup Maria Grazia Domanico. In mattinata l’ex premier aveva dichiarato di non aver mai «ascoltato» l’intercettazione tra l’allora leader dei Ds Piero Fassino e l’ex numero uno di Unipol Giovanni Consorte, «altrimenti me la sarei ricordata». Il leader del Pdl in udienza preliminare a Milano, ha cercato di difendersi dall’ accusa di rivelazione di segreto d’ufficio.

IN TRIBUNALE- Silvio Berlusconi non ha negato di aver ricevuto ad Arcore due imprenditori che il 24 dicembre del 2005 sono stati accompagnati a Villa San Martino dal fratello Paolo per fargli ascoltare, secondo l’accusa, il file audio dell’intercettazione Fassino-Consorte. «Ricevo tanta gente» avrebbe aggiunto l’ex premier. Subito dopo l’interrogatorio Berlusconi ha lasciato Palazzo di Giustizia. In tarda mattinata il gup Maria Grazia Domanico, in camera di consiglio, ha deciso però di rinviare a giudizio il leader del Pdl.

IL QUARTO PROCESSO- Il processo a Silvio Berlusconi si aprirà davanti ai giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Milano il prossimo 15 marzo. Gli altri tre processi in cui l’ex premier è imputato sono quelli sul caso Mills, sulle presunte irregolarità nella compravendita dei diritti tv Mediaset e quello sulla vicenda Ruby.