Berlusconi e la sua grande faccia tosta: Lodo Alfano? Mai chiesto e mai reclamato tutele

22 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Silvio Berlusconi a ruota libera sul Frankfurter Allgemeine Zeitung. Il premier nell’intervista (testo integrale, in tedesco) tocca vari temi, ma quello della giustizia resta al centro, anche quando parla con giornalisti stranieri: «Non ho mai reclamato alcuna forma di tutela. Il mio partito ha presentato un disegno di legge in base al quale durante il mandato vengono sospesi i processi contro il Capo dello Stato e il Presidente del Consiglio; anche i termini di prescrizione vengono sospesi durante il mandato. Una legge del genere esiste in molti Paesi.Così il premier Silvio Berlusconi, in un’intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung, interviene sul Lodo Alfano secondo il testo integrale del colloquio diffuso.

MI RICANDIDERO’ COMUNQUE – «Mi candiderò comunque – ha aggiunto Berlusconi nell’intervista -. In caso di elezioni, vedremo se il programma del partito di Fini sarà tale da consentire di renderlo parte integrante della coalizione. Intanto, però, l’Italia continua a essere un Paese con una guida politica stabile e un esecutivo forte che poggia sul consenso della grande maggioranza degli italiani».

«Dopo il 2008, il mio partito ha prevalso in tutte le elezioni. Mi sono presentato pochi giorni fa alle Camere con un programma per i prossimi tre anni, sul quale ho ottenuto la fiducia. Suppongo – aggiunge Berlusconi – che il partito di Fini continuerà a sostenere il Governo».

«NON CREDO AL NUOVO CENTRO» – Non immagina un «nuovo centro in grado di formare un Governo», il premier Silvio Berlusconi. Col Frankfurter Allgemeine Zeitung cita i sondaggi, per avvalorare la sua tesi.

«Secondo i dati – spiega – un’alleanza elettorale di tutti i partiti del centro otterrebbe soltanto tra il dieci e il dodici per cento dei voti. Negli ultimi anni, sotto la mia guida, l’Italia ha fatto un passo importante verso il “bipolarismo”, verso una democrazia con governi che si alternano. Non credo che sia facile abbandonare così facilmente questo schema». «Attualmente non riesco a immaginare che un tale “centro” possa essere in grado di formare un Governo.

Copyright © Corriere della Sera. All rights reserved