BCE: DUISENBERG DICE LA SUA SULL’ECONOMIA UE

4 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Wim Duisenberg ha difeso la decisione di mantenere i tassi invariati in tempi di incertezza economica.

Il numero uno della Bce ha parlato di un’economia in ripresa nella Zona Euro, con sodaggi che mostrerebbero un’accelerazione nel secondo trimestre rispetto ai primi tre mesi dell’anno.

Riguardo all’inflazione il presidente della banca centrale europea ha detto che il tasso si dovrebbe attestare intorno al 2% nel resto dell’anno, per scendere ulteriormente nel lungo periodo.

A giugno l’inflazione è calata all’1,7%. Non scendeva sotto il 2% dal dicembre ’99.

Sul recente incontro dei capi di governo a Siviglia Duisenberg ha espresso una certa preoccupazione, augurandosi il rispetto degli impegni presi con l’originario patto di stabilità.

Sul recente apprezzamento dell’euro è intervenuto il vice presidente della Bce, Lucas Papademos, che ha precisato che quest’anno il recupero della moneta unica non avrà un impatto significativo, nè sulla produzione, nè sulla crescita dei prezzi.

Ma gli effetti si faranno sentire nel medio periodo, a cominciare dal 2003.