Banche dovranno avere cuscinetto pari al 25% dei loro attivi

10 Novembre 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – I cuscinetti anti crisi delle banche maggiori al mondo dovranno essere più solidi e portati a un quarto degli attivi iscritti a bilancio.

Lo ha stablito il Financial Stability Board, che è intento a trovare un modo per evitare nuovi crac in stile Lehman Brothers, banca d’affari collassata sei anni fa dopo lo scoppio della crisi subprime.

Gli istituti “too big to fail” dovrebbero appartenere al passato, secondo il board guidato dal governatore della Banca d’Inghilterra, il canadese Mark Carney.

Alle principali società del credito verrà richiesto di capacità di assorbire perdite complessive equivalente al 25% del loro asset. Le autorità di controllo nazionali avranno anche la possibilità di imporre norme più rigide.

La regola, che va sotto la sigla di TLAC, non dovrebbe venire applicata prima del 2019.

Fonte: