BANCHE: CITIGROUP LICENZIA 3.500 DIPENDENTI

14 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Il colosso finanziario Citigroup (C – Nyse), una delle trenta blue chip del Dow Jones, ha annunciato il prossimo taglio di 3.500 posti di lavoro in modo da far fronte al continuo rallentamento dei mercati e dell’economia.

I licenziamenti, per cui la societa’ ha depositato la documentazione necessaria presso le autorita’ di borsa USA, riguardano principalmente le divisioni Global Corporate e Global Consumer, mentre ben 2.150 dei posti di lavoro eliminati sono negli Stati Uniti.

I tagli, pari all’1,4% della forza lavoro, si concluderanno entro la fine del prossimo anno e l’operazione comportera’ un onere straordinario di $177 milioni.

“Nel corso del secondo trimestre 2001, Citigroup e’ incorsa in oneri straordinari legati al processo di ristrutturazione di $209 milioni – si legge nella documentazione depositata presso la Securities and Exchange Commission, l’agenzia federale di vigilanza sulla borsa americana – principalmente per il ridimensionamento delle divisioni Global Corporate e Global Consumer“.

Secondo alcuni analisti, il colosso finanziario USA si e’ sempre mostrato riluttante a tagliare lo staff per paura di trovarsi impreparato una volta che i mercati si riprendessero e questo potrebbe voler dire che il gruppo non vede una ripresa a breve.

Verificate le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale nella sezione BOOK USA

che trovate sul menu in cima alla pagina.