Azioni: Facebook, Google, Apple, Microsoft e Yelp a confronto

23 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (ADVISE ONLY) – Nel mondo delle azioni il settore “Tecnologia” si distingue per le sue buone valutazioni e per il trend positivo, questo vale rispetto alla maggior parte degli altri settori (HealthCare escluso) e pressochè in tutto il mondo. Sembra opportuno, quindi, considerare alcuni titoli tecnologici “star” del mercato USA ed esaminarli in base a vari indicatori, al fine di quantificare il valore e la solidità aziendale.

Nell’analisi abbiamo considerato cinque colossi (se clicchi sul titolo e accedi al sito troverai informazioni aggiuntive sull’andamente, rischio e liquidità) : Facebook, Google, Apple, Microsoft e Yelp.

Metriche per la valutazione

Le metriche di valutazione che abbiamo indivuduato sono:

  • il rapporto Utili/Prezzo, o “Earning Yield”, classica misura di valutazione del valore d’una azienda;
  • la crescita dei ricavi, per capire se il business dell’azienda cresce;
  • la crescita dell’EBIDTA, classica metrica per valutare la profittabilità di un’azienda;
  • il rapporto tra equity e debito, una misura di solidità a lungo termine (l’idea sottostante è che il debito va ripagato, mentre l’equity è, teoricamente, per sempre);
  • il margine EBITDA , cioè il rapporto tra EBITDA e ricavi, un’altra misura di profittabilità;
  • un indice di solvibilità, calcolato utilizzando la probabilità di default annua implicita nelle quotazioni dei CDS, i derivati utilizzati per assicurarsi contro i fallimenti.

Sulla base di questi sei indicatori, raccolti per ciascuno delle cinque azioni tecnologiche in oggetto, abbiamo creato un “grafico radar” nel quale ogni azienda è rappresentata da un poligono colorato, ottenuto unendo i punteggi di ciascun indicatore. Si ottiene una rappresentazione immediata della situazione: ad esempio, il poligono associato ad Apple contiene quello associato a Facebook perché Apple, rispetto a Facebook, ottiene punteggi migliori per tutti gli indicatori esaminati. La storia si ripete per Google vs Facebook.

Risultati

Sulla base di questi indicatori fondamentali (che non hanno certo pretesa di completezza, bensì di immediatezza e sintesi) Apple e Google emergono con forza, mentre Facebook è senz’altro il titolo che appare più debole, con Yelp e Microsoft che vanno a collocarsi nel mezzo.

Clicca per ingrandire

Nota metodologica

Com’è costruito il grafico radar? Sei variabili compongono un esagono, dal cui centro si dirama una sequenza di raggi: ogni raggio rappresenta una delle sei variabili.

Ogni variabile assume un valore: più alto è, meglio è. Per ciascuna azienda, la distanza dal centro del punto marcato sul raggio è proporzionale al valore della variabile rispetto al valore massimo raggiungibile. Per ciascuna azienda, infine, i punti sui raggi vengono congiunti con segmenti, formando un poligono. In base a questo grafico e a questi criteri, se il poligono formato dall’azienda A contiene quello relativo all’azienda B, allora A è meglio di B, perché significa che, per ogni variabile, ottiene un punteggio migliore.