AUTO, GENERAL MOTORS CALA AI MINIMI DAL 1975

23 Giugno 2008, di Redazione Wall Street Italia

Settore auto sotto pressione a Wall Street sulla scia dei timori dell’andamento del mercato automobilistico per il resto dell’anno. Gm scende così ai minimi degli ultimi 33 anni, mentre Ford al livello più basso degli ultimi tre mesi. I due colossi di Detroit hanno già rivisto al ribasso le stime sulle proprie vendite e hanno tagliato la propria produzione. I dati relativi alle vendite di auto di giugno saranno diffusi il prossimo 1 luglio.


Gm è attualmente in calo del del 4,50% a 13,17 dollari, dopo aver toccato un minimo di seduta a 12,78 dollari: dall’inizio dell’anno il titolo ha perso circa un terzo del proprio valore. Ford, invece cede il 6,88% a 5,41 dollari, dopo aver toccato un minimo di seduta a 5,30 dollari.

Mercato difficile? Si’, e con le news gratis, non vai da nessuna parte. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Gm cerca di reagire al calo delle vendite di Suv e pick up e annuncia nuovi incentivi per l’acquisto e la chiusura estiva prolungata per sei impianti, così da favorire lo smaltimento delle scorte. Il colosso di Detroit oggi in Borsa è sceso ai minimi degli ultimi 33 anni sulla scia della previsioni negative per il mercato automobilistico americano. Per rilanciare le stagnanti vendite di Suv e pick-up, in forte calo in seguito all’aumento dei carburanti che spinge un numero crescente di persone a scegliere auto più piccole ed economiche, Gm propone finanziamenti a tasso zero fino a un massimo di sei anni.