Attentati Parigi, caccia al super ricercato. Mali: 170 ostaggi e 22 morti

20 Novembre 2015, di Daniele Chicca

BRUXELLES (WSI) – Dopo l’uccisione della mente degli attacchi di Parigi in un raid della polizia francese a Saint Denis, la tensione si sposta a Bruxelles, dove è stato segnalato dalle autorità Salah Abdeslam.

Tutti gli agenti della regione della capitale belga sono stati mobilitati ieri sera. L’allerta è stata lanciata dai servizi segreti che hanno individuato il super ricercato ad Anderlecht, a circa 5 chilometri dalla capitale Belga.

A Bruxelles l’Universitè Libre ha deciso di interrompere i corsi. Abdeslam è sospettato di aver partecipato agli attentati che venerdì scorso hanno fatto almeno 129 vittime nella capitale francese. A fine ottobre il 26enne è stato visto in diversi locali gay di Bruxelles.

I media in Belgio dicono che il francese nato a Bruxelles sarebbe stato notato a fine ottobre in dei bar e in diverse discoteche frequentate dalla comunità omosessuale dove il traffico di passaporti e altri documenti viene definito “importante”.

Abdeslam è uno degli ultimi attentatori di Parigi ancora in libertà. Ieri con un blitz delle forze di polizia e della brigada di ricerca e intervento (BRI) francesi, è stato ucciso Abdelhamid Abbaoud, il 28enne che veniva ritenuto l’ideatore della strage di Parigi.

Intanto a Bamako, capitale del Mali, dieci uomini armati hanno fatto irruzione in un hotel e hanno preso in ostaggio 170 persone, tra cui 30 del personale dell’albergo Radisson. Almeno t22 persone sono morte, tra cui due degli assalitori, secondo quanto riportato da una fonte militare all’agenzia di stampa francese AFP.

 

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 20 Novembre 201511:09

In Svezia le autorità sostengono di aver sventato un attentato terrorista. La polizia ha catturato un uomo sospettato di voler condurre un attacco a breve. Mutar Muthanna Majid, di origini irachene, è stato arrestato dalla polizia ieri pomeriggio in un raid nel centro di accoglienza per rifugiati nella città di Boliden, nell’area nordorientale del paese scandinavo.

Daniele Chicca 20 Novembre 201511:13

Allarme bomba a Namur, una città della zona meridionale del Belgio, dove le forze di polizia sono accorse numerose. Le Soir scrive che un numero alto di vetture della polizia ha circondato il palazzo di Giustizia intorno alle 9 ora locale. L’area è stata isolata. 
Permalien de l'image intégrée

Daniele Chicca 20 Novembre 201511:16

Il capo della polizia francese ha ammesso che le autorità non hanno ancora informazioni chiare sull’esatta posizione e sugli spostamenti del super ricercato Salah Abdeslam, il 26enne sospettato di aver partecipato agli attentati di Parigi che hanno fatto almeno 129 vittime.

Intervenuto ai microfoni dell’emittente radio France-Info Jean-Marc Falcone ha detto che la polizia è alla caccia dell’uomo ma che ancora “non siamo in grado di dire nulla sulle coordinate geografiche esatte della sua posizione”.

Daniele Chicca 20 Novembre 201511:34

La Francia non è al sicuro, ha aggiunto il apo della polizia nazionale e pertanto continuerà a condurre raid come quello che ieri ha portato all’uccisione di Abdelhamid Abbaoud, ritenuto la mente degli attentati di Parigi. Jean-Marc Falcone si è anche lamentato della scarsa collaborazione tra le autorità euroee nella lotta al terrorismo.

Il ministro francese degli Interni Bernard Cazeneuve, durante un incontro di emergenza tra i suoi omologhi dell’Ue, ha detto che “i terroristi attraversano le frontiere dell’Unione Europea” e che “non c’è tempo da perdere”. Il sistema di informazione sui passeggeri dei voli nell’area a 29 va rivisto. “È una questione urgente”.

Il primo ministro Manuel Valls ha avvertito che “se l’Europa non si assume le sue responsabilità, il trattato di Schengen rischia di essere compromesso”.

Bernard Cazeneuve and Christiane Taubira at the extraordinary council of Justice and Home Affairs Ministers of the European Union

Daniele Chicca 20 Novembre 201511:36

La Francia non è al sicuro, ha aggiunto il apo della polizia nazionale e pertanto continuerà a condurre raid come quello che ieri ha portato all’uccisione di Abdelhamid Abbaoud, ritenuto la mente degli attentati di Parigi. Jean-Marc Falcone si è anche lamentato della scarsa collaborazione tra le autorità euroee nella lotta al terrorismo.

Il ministro francese degli Interni, durante un incontro di emergenza tra i suoi omologhi dell’Ue, ha detto che “i terroristi attraversano le frontiere dell’Unione Europea” e che “non c’è tempo da perdere”. Il sistema di informazione sui passeggeri dei voli nell’area a 29 va rivisto. “È una questione urgente”.

Daniele Chicca 20 Novembre 201511:41

Sul Mali ecco quello che si sa sin qui, secondo un recap fatto dal Guardian. Almeno due guardie della sicurezza sono state ferite nell’attacco condotto da diversi uomini armati.

Il comandante dell’esercito del Mali, Modibo Nama Traore, ha fatto sapere che sono in realtà 10 gli uomini armati che hanno fatto irruzione nell’hotel Radisson Blu urlando “Allah Akbar” prima di aprire il fuoco sulle guardie e prendere in ostaggio clienti e personale dell’albergo.

Gli ostaggi che sono stati in grado di recitare versi del Corano sono stati rilasciati, secondo quanto riferito a Reuters dalle forze di sicurezza. Una fonte separata ha detto all’AFP che gli uomini armati sono jihadisti e che sono riusciti a entrare perché conducevano un’auto con una targa del corpo diplomatico.

Daniele Chicca 20 Novembre 201513:04

In Europa Dimitris Avramopoulos, il Commissario Ue agli Affari Interni e migrazione, ha detto che la commissione – l’organo esecutivo dell’area – potrebbe proporre l’istituzione di un’agenzia di intelligence comune a tutti i paesi membri, un’idea che incontrerà sicuramente la resistenza di alcuni governi che grideranno alle violazioni della sovranità nazionale.

I ministri oggi sono chiamati ad accettare le misure sui controlli potenziati delle frontiere. Se le nuove misure passeranno i cittadini dei 26 paesi che hanno aderito al Trattato di Schengen dovranno farsi controllare i documenti di identità con uno scanner quando lascieranno e entreranno nell’area. L’agenzia europea dei controlli alla dogana, Frontex, avrà più poteri e vedrà potenziato il suo mandato.

Daniele Chicca 20 Novembre 201513:07

Il Belgio l’ufficio della procura ha fatto sapere che sono state liberate sei delle sette persone arrestate ieri dopo i raid della polizia, volti a scovare i complici di Bilal Hadfi, uno dei responsabili dell’attentato dinamitardo allo Stade de France venerdì scorso a Parigi. Una persona è rimasta in stato di fermo per altre 24 ore.

Daniele Chicca 20 Novembre 201513:10

In Mali le forze di polizia hanno fatto a loro volta irruzione nell’hotel Radisson della capitale Bamako e sono riuscite a liberare 80 ostaggi dei 170 finiti in mano ai dieci assalitori armati che si presume siano jihadisti. Nel dare la notizia la Tv di stato del paese ha citato testimoni e fonti di polizia.

Malian army, French and UN troops take position outside the Radisson Blu hotel in Bamako.

Daniele Chicca 20 Novembre 201513:12

Un funzionario della polizia del Mali, il colonnello Diarran Kone, ha confermato che almeno tre persone hanno perso la vita negli attacchi perpetrati dai dieci uomini armati nell’hotel di Bamako.

Circa una ventina di ostaggi sono stati liberati in un secondo momento e altri sono riusciti a scappare con l’aiuto delle forze di sicurezza. Dodici membri dello staff di Air France, clienti dell’albergo, sono stati portati in salvo.

Daniele Chicca 20 Novembre 201513:27

Un funzionario della polizia del Mali, il colonnello Diarran Kone, ha confermato che almeno tre persone hanno perso la vita negli attacchi perpetrati dai dieci uomini armati nell’hotel di Bamako.

Circa una ventina di ostaggi sono stati liberati in un secondo momento e altri sono riusciti a scappare con l’aiuto delle forze di sicurezza. Dodici membri dello staff di Air France, clienti dell’albergo, sono stati portati in salvo.

Daniele Chicca 20 Novembre 201514:45

I proprietari dell’hotel preso d’assalto da un gruppo di assalitori armati in Mali hanno reso noto che ancora 138 persone si trovano in ostaggio all’interno dell’edificio, smentendo le notizie secondo cui 80 persone erano state liberate su 170. “Secondo le informazioni a disposizione, 125 clienti e 13 dipendenti sono ancora all’interno dell’hotel”.

Daniele Chicca 20 Novembre 201515:27

Una sparatoria è in corso all’interno dell’hotel di lusso Radisson, dove i soldati e i caschi blu hanno cercato di entrare per liberare gli ostaggi ancora in mano agli assalitori jihadisti armati. Lo riferiscono testimoni e fonti di sicurezza a Reuters.

“Le forze di sicurrezza sono all’interno dell’edificio e stanno gradualmente setacciando tutti i piani dell’hotel e liberando gli ostaggi che si trovano chiusi nelle loro camere”. Ci sono ancora decine, quasi un centinaio – dicono le fonti – di persone dentro all’albergo.

Malian troops take position outside the Radisson Blu hotel in Bamako.

Daniele Chicca 20 Novembre 201515:33

Tornando agli attentati di Parigi, ci sono nuovi sviluppi. In Belgio le autorità fanno sapere di avere ricevuto nuove informazioni su uno dei presunti attentatori, il 26enne super ricercato Salah Abdeslam. Un suo amico sostiene che si trovasse nell’ormai famigerato quartiere Molenbeek di Bruxelles martedì sera. 

Il ministero dell’Interno francese intanto ha detto di aver effettuato 90 arresti nelle ultime cinque giornate e che 793 immobili sono stati perquisiti dalla polizia, all’interno dei quali sono state trovate 174 armi, droghe e 250 mila euro che sono stati confiscati. I raid continueranno nell’ambito di “una lotta senza tregua al terrorismo”. Gran parte delle operazioni sopra citate non sono legate agli attentati di Parigi.

Daniele Chicca 20 Novembre 201515:34

Tornando agli attentati di Parigi, ci sono nuovi sviluppi. In Belgio le autorità fanno sapere di avere ricevuto nuove informazioni su uno dei presunti attentatori, il 26enne super ricercato Salah Abdeslam. Un suo amico sostiene che si trovasse nell’ormai famigerato quartiere di Bruxelles, Molenbeek – covo di estremisti – martedì sera. 

Il ministero dell’Interno francese intanto ha detto di aver effettuato 90 arresti nelle ultime cinque giornate e che 793 immobili sono stati perquisiti dalla polizia, all’interno dei quali sono state trovate 174 armi, droghe e 250 mila euro che sono stati confiscati. I raid continueranno nell’ambito di “una lotta senza tregua al terrorismo”. Gran parte delle operazioni sopra citate non sono legate agli attentati di Parigi.

Daniele Chicca 20 Novembre 201516:51

Incominciano ad arrivare le prime testimonianze di chi è stato messo in salvo dall’assedio all’hotel di Bamako dove un centinaio di ostaggi sono ancora intrappolati. “Ho visto dei cadaveri. È orribile“. Sono le parole di uno degli ostaggi liberati.

Anche un “popolare cantante guineano”, Sekouba Bambino, è fra gli ostaggi liberati. “Mi sono svegliato al suono di colpi d’arma da fuoco e pensavo fossero solo banditelli venuti all’hotel per cercare qualcosa. Dopo 20 o 30 minuti ho capito che non erano piccoli criminali”, ha detto l’artista secondo quanto riferisce la Bbc.

Daniele Chicca 20 Novembre 201516:53

Incominciano ad arrivare le prime testimonianze di chi è stato messo in salvo dall’assedio all’hotel di Bamako dove un centinaio di ostaggi sono ancora intrappolati. “Ho visto dei cadaveri. È orribile“. Sono le parole di uno degli ostaggi liberati.

Anche un “popolare cantante guineano”, Sekouba Bambino, è fra gli ostaggi liberati. “Mi sono svegliato al suono di colpi d’arma da fuoco e pensavo fossero solo banditelli venuti all’hotel per cercare qualcosa. Dopo 20 o 30 minuti ho capito che non erano piccoli criminali”, ha detto l’artista secondo quanto riferisce la Bbc.

Daniele Chicca 20 Novembre 201516:56

Il presidente del Mali, Idriss Déby Itno, ha evocato la matrice islamista dell’attacco terroristico: “Condanno nella maniera più ferma possibile questo atto barbaro che non ha niente a che vedere con la religione”, ha detto il capo di Stato. I servizi di sicurezza del Mali sospettano che dietro l’attacco ci sia il network jihadista Ansar Din, vicino ad al-Qaida. Si tratta di un gruppo fondamentalista islamico tra le principali organizzazioni ad aver preso parte alla Guerra in Mali, che lo vedeva opposto alla Francia.

Daniele Chicca 20 Novembre 201517:00

Il presidente del Mali, Idriss Déby Itno, ha evocato la matrice islamista dell’attacco terroristico: “Condanno nella maniera più ferma possibile questo atto barbaro che non ha niente a che vedere con la religione”, ha detto il capo di Stato. I servizi di sicurezza del Mali sospettano che dietro l’attacco ci sia il network salafista jihadista Ansar Din. Si tratta di un gruppo fondamentalista islamico tra le principali organizzazioni ad aver preso parte alla Guerra in Mali, che lo vedeva opposto alla Francia.

Daniele Chicca 20 Novembre 201517:02

Pare che gli attentatori non abbiano più ostaggi. Lo ha fatto sapere il ministero della Difesa del Mali. Quanto ai responsabili, è arrivata una rivendicazione di un gruppo di fondamentalisti islamici vicino ad al-Qaida, che smentisce quindi quanto ipotizzato in prima battuta dal presidente del paese nordafricano.
È stato il giornale della Mauritania Al-Akhbar ad aver ricevuto una rivendicazione congiunta di AQMI e Al-Mourabitoune. I due gruppi dicono di aver collaborato. Uno dei suoi dirigenti aveva proclamato un’alleanza con l’ISIS ma il suo leader aveva affermato che il suo gruppo era leale ad al-Qaida.

Daniele Chicca 20 Novembre 201517:05

Pare che non ci siano più persone prese in ostaggio dagli attentatori. Lo ha fatto sapere il ministero della Difesa del Mali. Quanto ai responsabili, è arrivata una rivendicazione di un gruppo di fondamentalisti islamici vicino ad al-Qaida, che smentisce quindi quanto ipotizzato in prima battuta dal presidente del paese nordafricano.

È stato il giornale della Mauritania Al-Akhbar ad aver ricevuto una rivendicazione congiunta di AQMI e Al-Mourabitoune. I due gruppi dicono di aver collaborato. Uno dei suoi dirigenti aveva proclamato un’alleanza con l’ISIS ma il suo leader aveva affermato che il suo gruppo era leale ad al-Qaida.

Daniele Chicca 20 Novembre 201522:29

Gli ostaggi sono stati liberati e il sequestro è terminato in seguito all’intervento delle forze di sicurezza del Mali aiutate dalle forze speciali di francesi e americani. Secondo Salif Traorè, ministro per la Sicurezza, “gli attentatori non hanno più ostaggi e l’esercito è al momento alla loro ricerca”. L’ultimo bilancio parla di almeno 22 morti, ma c’è chi dice anche che le vittime sono 27.

Daniele Chicca 20 Novembre 201522:30

Gli ostaggi sono stati liberati e il sequestro è terminato in seguito all’intervento delle forze di sicurezza del Mali aiutate dalle forze speciali di francesi e americani. Secondo Salif Traorè, ministro per la Sicurezza, “gli attentatori non hanno più ostaggi e l’esercito è al momento alla loro ricerca”.

L’ultimo bilancio parla di almeno 22 morti, ma c’è anche chi, come un funzionario dell’Onu, che dice che le vittime sono 27. La fonte ha riferito a Reuters che i cooperanti delle Nazioni Unite che sono entrati nell’hotel hanno visto in tutto 27 corpi: 12 al piano interrato e 15 al secondo piano.

Daniele Chicca 20 Novembre 201522:33

Gli ostaggi sono stati liberati e il sequestro è terminato in seguito all’intervento delle forze di sicurezza del Mali aiutate dalle forze speciali di francesi e americani. Secondo Salif Traorè, ministro per la Sicurezza, “gli attentatori non hanno più ostaggi e l’esercito è al momento alla loro ricerca”.

L’ultimo bilancio parla di almeno 22 morti, ma c’è anche chi, come un funzionario dell’Onu, che dice che le vittime sono 27. La fonte ha riferito a Reuters che i cooperanti delle Nazioni Unite che sono entrati nell’hotel hanno visto in tutto 27 corpi: 12 al piano interrato e 15 al secondo piano.