Arrivederci Italia: opportunita’ di lavoro per i giovani ovunque, tranne che in patria

8 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

Ci va giu’ pesante il magazine americano e non c’e’ nemmeno da stupirsi. Il tema della fuga di cervelli e’ una questione calda e di cui si discute da anni, ma la situazione ormai e’ diventata una malattia cronica: raggazzi discriminati, sistema bloccato. Meglio una terra di opportunita’ qualunque purche’ non sia in patria.

“Invece dei contadini e lavoratori manuali che affollavano le navi a vapore dirette a New York, l’Italia sta perdendo i suoi giovani migliori e piu’ intelligenti a causa di un decennio di stagnazione economica, un mercato del lavoro congelato e un sistema arroccato di clientelismo e nepotismo”.

L’articolo racconta le vite dell’ultima ondata di emigranti andati a cercare la loro fortuna un secolo fa. Storie di giovani professionisti italiani che hanno trovato all’estero, in America, in Cina o a Dubai, dove hanno ottenuto quella realizzazione che veniva negata loro in Italia.