Area euro: seduta nervosa, anche per i bund tedeschi

11 Maggio 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Apertura in calo per il futures Bund, anche se le rinnovate paure del mercato sull’esito della crisi debitoria greca continuano a dare ampio supporto ai titoli più sicuri, come quelli sul debito tedesco.

Allo stesso tempo le speculazione riguardante un secondo pacchetto di aiuti ad Atene manterranno estremamente volatile il debito periferico, anche perchè sul mercato si continua a scontare, nonostante le numerose smentite, l’ipotesi di una ristrutturazione del debito greco.

“Si continua ad essere molto guidati dalle notizie sulla Grecia, ma tensioni sui periferici a parte, bisogna ricordarsi che la Bce sta pensando ad altri rialzi dei tassi” spiega un trader.

Sarà un mattinata interessante anche sul mercato primario. Da una parte si guarderà all’asta da 6 miliardi di Bot a 12 mesi; dall’altra al collocamento di circa 7 miliardi di Schatz: con rendimenti di mercato scesi di circa 20 punti base dal meeting Bce di govedì scorso, l’asta di biennali tedeschi diventa un interessante test del reale appetito degli operatori per la carta sicura, per quanto poco redditizia.

Alle 8.50 italiane i futures a giugno sui bund a 2 anni calano di 0,2 punti base, il dieci anni di 2,2 e il trent’anni di 3,49.