Apple vicina ai 3.000 miliardi di dollari di capitalizzazione

9 Dicembre 2021, di Alessandra Caparello

Dopo la corsa decennale, Apple è sul punto di raggiungere i 3.000 miliardi di dollari di valore di mercato. Parliamo di Apple il cui valore supera l’intero mercato azionario tedesco o l’economia del Regno Unito.

Secondo quanto scrive Bloomberg, il produttore di iPhone ha bisogno di salire solo di un altro 6% per diventare la prima azienda a raggiungere il traguardo, meno di quattro anni dopo aver superato per la prima volta 1.000 miliardi di dollari.

“È un risultato fenomenale e mette in evidenza l’incredibile dominio delle aziende tecnologiche statunitensi”, ha detto Craig Erlam, analista di Oanda. “E c’è così tanto ancora che arriverà per Apple, che ci chiediamo quale pietra miliare supererà la prossima e quanto grande potrà diventare”. Apple è diventata l’azienda di maggior valore al mondo grazie a un flusso costante di prodotti che hanno affascinato i consumatori.
Ora, con i mercati che vacillano a causa della preoccupazione che i tassi di interesse più alti e il coronavirus possano minare la crescita economica, gli investitori vedono l’azienda come un posto relativamente sicuro per parcheggiare i loro soldi grazie alla sua crescita costante delle vendite e al suo pesante saldo di cassa.

Apple: titolo cresciuto del 22.000%

Dalla fine degli anni ’90, le azioni Apple hanno reso un enorme 22.000%, pari a circa il 28% all’anno. Per fare un raffronto, l’S&P 500 ha reso il 7,5% all’anno nello stesso periodo. Altri titoli tecnologici hanno fatto meglio – Nvidia ha reso il 31% all’anno, mentre il gigante dello streaming Netflix è in crescita del 39% all’anno dalla sua offerta pubblica iniziale del 2002 – ma Apple li supera entrambi per dimensioni. Il produttore di iPhone ha aperto le contrattazioni ieri in salito dello 0,8%, un giorno dopo aver fatto un salto del 3,5%.

L’analista di Morgan Stanley Katy Huberty sostiene che le azioni sono sottovalutate se si considerano i contributi alle entrate previsti nei prossimi anni da nuovi prodotti come la realtà aumentata e virtuale e i veicoli autonomi.

Ma non ci sono state solo novità positive. Alla fine del 2000, Apple aveva un valore di mercato di soli 4,5 miliardi di dollari.

Il co-fondatore Steve Jobs era tornato al timone nel 1997 ma non era riuscito a risollevare le sue sorti, e l’iPod e l’iPhone erano ancora lontani. Ora le cose sembrano nettamente cambiate e gli investitori non ne hanno mai abbastanza delle azioni di Cupertino. Inoltre, le sue azioni hanno ricevuto un’altra spinta da un rapporto di Nikkei che la società ha chiesto ai fornitori di aumentare la produzione di iPhone da novembre a gennaio.