Apple: Cook rivela dettagli su auto autonome. E su Musk: “non lo conosco, ma ammiro Tesla”

6 Aprile 2021, di Mariangela Tessa

Resta avvolto nel mistero il progetto di Apple nel settore delle auto autonome. Dopo indiscrezioni insistenti su una Apple Car, in un’intervista al podcast Sway del New York Times, Tim Cook, l’amministratore delegato di Apple, spiega:

“Una vettura autonoma è un robot. E ci sono molte cose che si possono fare con questa tecnologia. Vedremo cosa farà Apple”, ha detto Cook spiegando che il gruppo “lavora su molti progetti. Molti di questi non vedranno mai la luce del giorno”. “Ci piace integrare hardware, software e servizi e trovare i punti di intersezione tra questi perché pensiamo che avviene la magia”.

Sono anni ormai che si parla di un ingresso della società californiana nel settore automobilistico. Indiscrezioni rafforzate da una serie di mosse compiute dalla società e che indicavano il suo debutto nel settore. A cominciare dal rafforzamento della suo team di ingegneri. Non solo. La società ha acquisito startup di veicoli autonomi, Drive.ai, nel 2019.

Nel 2018, la società fondata da Steve Jobs ha assunto Doug Field, vicepresidente senior dell’ingegneria di Tesla, per lavorare presumibilmente su auto a guida autonoma. Apple ha anche coinvolto molti altri ex dipendenti Tesla, tra cui l’ex vicepresidente dell’ingegneria di Tesla Michael Schwekutsch, ora direttore senior dell’ingegneria per lo Special Projects Group di Apple.

Apple: Cook “non conosco Musk, ma ammiro Tesla”

Qualora vedesse la luce, un veicolo autonomo targato Apple potrebbe posizionare l’azienda californiana in diretta concorrenza con Tesla.

“Non ho mai parlato con Elon, anche se nutro grande ammirazione e rispetto per l’azienda che ha costruito. Penso che Tesla abbia fatto un lavoro incredibile non solo stabilendo il comando, ma mantenendo il comando per un così lungo periodo di tempo nello spazio dei veicoli elettrici. Quindi lo apprezzo molto “, ha detto Cook a Swisher. Il patron di Tesla ha rivelato nei mesi scorsi di aver tentato di contattare Apple per un’eventuale vendita della sua società.