Le sei società Fintech più innovative del momento

12 Febbraio 2019, di Alberto Battaglia

Forbes ha compilato la sua lista annuale dedicata alle realtà più promettenti del mondo Fintech (La Fintech 50 2019). Una fetta destinata ad acquisire sempre maggiore rilevanza è data dalle app per gli investimenti da mobile. Piattaforme che consentono di operare sui mercati, anche senza avere competenze di alto livello. Nella classifica, poi, trovano spazio anche le applicazioni per la gestione patrimoniale e gli investimenti alternativi. Ecco le sei compagnie Fintech “più innovative” secondo Forbes:

  • Betterment
    “Il pioniere del mondo robo-advisor, Betterment gestisce portafogli di Etf tarati su obiettivi individuali e adeguati alla tolleranza del rischio. I clienti con un saldo di almeno 100.000 dollari possono optare anche a un piano premium che include anche pianificatori finanziari “umani” (fee allo 0,40% delle attività all’anno).
  • Guideline
    Fondata nel 2015, Guideline vuole rendere più facile per le piccole e medie imprese offrire ai loro dipendenti piani pensionistici 401(k), ovvero un versamento a un fondo privato di parte dei redditi (simile al Tfr italiano). La commissione iniziale di 500 dollari e più 8 al mese per dipendente. I portafogli di Guideline (costituiti per lo più da fondi Vanguard) hanno commissioni di fondo sottostanti allo 0,06%; i dipendenti possono scegliere di impostare la propria allocazione di portafoglio o seguire le raccomandazioni personalizzate da Guideline.
  • iCapital Network
    La mission di iCapital Network è abbassare la barriera d’ingresso per investire in private equity, debito privato, capitale di rischio e hedge fund. Si parte da 100.000 dollari, e non dai milioni solitamente richiesti per l’accesso a tali investimenti, scrive Forbes.
  • Personal Capital 
    Si tratta di una piattaforma di gestione patrimoniale online. Tramite un’interfaccia grafica si possono monitorare conti bancari e investimenti. Personal capital offre gratuitamente servizi di pianificazione previdenziale e di analisi degli investimenti. Pagando, si accede alla gestione patrimoniale vera e propria, con consulenti finanziari umani. Le commissioni di gestione annue a livelli partono dallo 0,89% delle attività, fino alla soglio di 1 milione di dollari e vanno a scalare fino a 0,49%, oltre i 10 milioni.
  • Robinhood
    Già nota da alcuni anni Robinhood aveva fatto parlare di sé perché consente, in modo facile, l’accesso al trading di azioni, Etf e opzioni senza applicare commissioni. Robinhood Gold subscription service, con soli 6 dollari al mese permette il margin trading – una pratica ad alto rischio, che amplifica perdite e guadagni.
  • Stash
    Si tratta di una app per gli investimenti da mobile e offre una gamma completa che comprende il tading senza commissioni di azioni e Etf, portafogli di investimenti “a tema” e altro ancora. Fino a 5,000 dollari sul conto costano appena 1 dollaro al mese; oltre tale soglia grandi hanno il costo è dello 0,25% delle attività all’anno.