ANCHE SPAVENTA (CONSOB) PENSA ALLA ‘GRANDE BORSA’

31 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

L’Europa, avverte il presidente della Consob, Luigi Spaventa, “non può permettersi una pluralità di mercati, ciascuno con la sua bandiera nazionale”. I nuovi poli di aggregazione come iX o Euronext vanno nella giusta direzione: “riflettono le esigenze dei mercati”.

D’altronde, insiste Spaventa, il consolidamento dei mercati azionari in Europa è inevitabile e rappresenta “l’esito naturale di un processo al quale non è utile né conveniente opporsi”.