Anche i futures Usa scossi dall’affaire Strauss-Khan

16 Maggio 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Quando manca circa un’ora e mezzo all’avvio delle contrattazioni, i derivati sui principali indici della borsa americana (vedi quotazioni a fondo pagina) scambiano sotto i livelli di parita’ facendo pensare a un avvio di seduta in ribasso. Si riscatta il dollaro, il cui rafforzamento pesa sull’andamento dei prezzi del petrolio.

Anche i listini americani scontano l’arresto per presunto stupro e sequestro del numero uno del Fondo Monetario Internazionale, Dominique Strauss-Khan.

La notizia dell’arresto nel fine settimana dell’economista francese ha scosso i mercati finanziari del mondo in un momento delicato per l’Europa alle prese con l’aggravarsi della crisi del debito sovrano. Secondo gli ultimi report l’evento non dovrebbe influenzare negativamente le trattative per mettere a punto un piano di salvataggio per Portogallo e Grecia.

Intanto nella giornata di oggi parte ufficialmente all’Eurogruppo la procedura per la nomina del nuovo presidente della Bce che, dopo il via libera della Germania, dovrebbe essere Mario Draghi.

In Cina le pressioni inflative rischiano di compromettere la crescita, con gli economisti del paese che stimano che i prezzi al consumo non abbiano ancora raggiunto i massimi. In Europa a pagare dazio e’ sopratutto la borsa di Parigi, con Strauss-Kahn che era destinato a essere uno dei principali candidati alle presidenziali di aprile 2012. Il numero uno del FMI non aveva ancora ufficializzato la sua candidatura e avrebbe dovuto superare lo scoglio delle primarie del partito socialista francese, ma i sondaggi lo davano in vantaggio di 5 punti sull’attuale presidente Nicolas Sarkozy.

Sul fronte macro sono attesi l’indice Empire Manufacturing, alle 14.30 italiane, i flussi in entrata netti a lungo termine, alle 15, il report sul valutario del Tesoro usa e l’intervento del numero uno della Federal Reserve, Ben Bernanke.

Sugli altri mercati, i contratti del greggio con consegna giugno perdono l’1,35% a $98,3 il barile. I contratti con scadenza giugno sull’oro sono invariati a $1.493,4 l’oncia. Sul valutario l’euro e’ invariato a $1,4114. Quanto ai Treasury, il rendimento sul decennale si attesta a quota 3,16%, in contrazione di 1 punti base.

Alle 14.00 (le 8:00 ora di New York) il future sull’indice S&P500 arretra di 4,7 punti a 1.329,1 (-0,35%).

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in flessione di 4,75 punti a 2.365,25 (-0,2%).

Il contratto sull’indice Dow Jones cede 44 punti (-0,35%), in area 12.512.