Allarme recessione: i tre grandi errori di investimento secondo gli esperti

1 Novembre 2022, di Alessandra Caparello

Che ci stiamo dirigendo verso una recessione è molto probabile. Il ceo di Goldman Sachs, David Solomon, ha recentemente dichiarato agli investitori che c’è una “buona probabilità” che l’economia statunitense si stia dirigendo verso una recessione.

Dai banchieri all’Fmi è allarme recessione

Anche il ceo di J.P.Morgan Chase, Jamie Dimon, prevede una flessione tra sei e nove mesi. In un’intervista a Cnbc, ha spiegato che “l’Europa è già in recessione” e vede “possibile una sorta di recessione negli Usa da 6 a 9 mesi a partire da ora”. Per ora – ha spiegato Dimon –  l’economia statunitense “sta andando bene”, questo grazie anche al fatto che i consumatori si trovano in una situazione migliore rispetto alla crisi finanziaria globale del 2008. Ma il vento cambierà presto per via dell’impatto dell’inflazione galoppante, i tassi di interesse in aumento più del previsto, gli effetti dell’inasprimento della guerra russa in Ucraina.

“Il peggio deve ancora arrivare”, scrive il capo-economista del Fondo monetario internazionale Pierre-Olivier Gourinchas. Anche perché il quadro resta dominato da rischi al ribasso, con la “potente” destabilizzazione alimentata dalla guerra in Ucraina. L’Fmi ha laciato un doppio allarme recessione per Italia e Germania. Per il 2023 stima una contrazione del Pil rispettivamente dello 0,2 e dello 0,3%.  Le nuove previsioni dell’istituto di Washington, rilasciate ieri, confermano dunque le stime già messe in conto da tempo dagli analisti: se per il 2022 la crescita globale resta confermata al 3,2%, quella stimata per il 2023 subisce una sforbiciata al 2,7%, rispetto al 2,9% previsto a luglio. Si tratta della crescita più debole dal 2001, fatta eccezione per le recessioni innescate dalla crisi finanziaria e dal Covid-19

Dopo quasi un anno di volatilità dei mercati azionari, inflazione elevata e tassi di interesse in aumento, molti gli esperti che mettono in guardia da una recessione.

Sebbene gli investitori più anziani ricordino il peso delle recessioni passate, gli esperti affermano che c’è un lato positivo: la possibilità di imparare dai precedenti errori. Un articolo apparso sull’emittente Cnbc individua alcuni dei principali errori di investimento commessi nella passata recessione economica.

Errore n. 1: vendere quando il mercato scende

Con l’S&P 500 che  è sceso di quasi il 20% da un anno all’altro, è facile capire perché alcuni investitori si facciano prendere dal panico vendendo quando le attività scendono. Ma molti si pentono della mossa una volta che il mercato si è ripreso, dicono gli esperti.

“L’errore più grande è pensare di uscire al ribasso e comprare al ribasso”, ha dichiarato Steven Check, presidente di Check Capital Management. Se si cerca di prendere tempo quando il mercato scende, è più probabile che si perdano i guadagni durante la ripresa. “Più o meno, si vuole mantenere la rotta”, ha detto, spiegando che molti investitori hanno bisogno di decenni per recuperare i portafogli pensionistici.

Che siate investitori giovani o pensionati, Check suggerisce di scrivere una serie di regole e di attenersi ad esse, indipendentemente da ciò che accade nel mercato azionario. “Il denaro è una cosa emotiva”, ha detto. “Ma bisogna ricordare che il mercato azionario ha fatto bene nel tempo”.

Errore n. 2: limitare gli investimenti in presenza di volatilità

Mentre alcuni vendono quando il mercato scende, altri evitano del tutto di investire. Secondo un recente sondaggio di Allianz Life, il 65% degli investitori tiene “più soldi del dovuto” fuori dal mercato azionario per paura delle perdite.

“Siamo più fissati su ciò che potremmo potenzialmente perdere sulla carta che sulle opportunità che ci sfuggono e che non capitalizziamo mai”, ha dichiarato Josh Reidinger, CEO di Waverly Advisors. Il rischio di perdere guadagni futuri è quello di evitare il mercato azionario, poiché la ricerca mostra che alcuni dei migliori rendimenti possono seguire i maggiori ribassi del mercato azionario.

Secondo una ricerca di J.P. Morgan Asset Management, i 10 giorni più performanti degli ultimi 20 anni si sono verificati dopo i grandi ribassi del mercato azionario durante la crisi finanziaria del 2008 o dopo la flessione del 2020 all’inizio della pandemia di Covid-19.

“La storia non si ripete”, ha detto Reidinger. “Ma è un buon indicatore di dove stiamo andando”.

Errore n. 3: trascurare il ribilanciamento del portafoglio

Che si investa durante una recessione o un periodo di crescita, i cambiamenti di mercato spesso spostano le attività dalla vostra allocazione target. Reidinger sottolinea l’importanza di ribilanciare in base a parametri prestabiliti.

Senza un ribilanciamento, il vostro patrimonio potrebbe non essere più in linea con i vostri obiettivi o la vostra tolleranza al rischio.