Alert Fmi: debito greco è ancora insostenibile

1 Agosto 2018, di Alessandra Caparello

La Grecia è davvero fuori dalla crisi? Il Fondo Monetario Internazionale  ha analizzato le  prospettive del paese, settimane prima che iniziasse a uscire dai programmi di salvataggio che hanno dominato la vita pubblica negli ultimi otto anni.

Pur elogiando il governo greco per aver eliminato gli squilibri di bilancio e delle partite correnti e per aver rilanciato la crescita, l’istituto guidato da Christine Lagarde ha affermato che “i rischi sono stati ridotti”, quindi non sono del tutto eliminati. Le banche del paese potrebbero avere bisogno di più capitale e alcuni direttori dell’FMI hanno messo in dubbio la sostenibilità a lungo termine del debito pubblico greco e il realismo delle proiezioni di bilancio e di crescita.

Il rapporto del Fondo quindi smorza il tono celebrativo di alcuni funzionari greci ed europei mentre il paese si prepara ad uscire dal suo programma di salvataggio il mese prossimo dopo aver ricevuto più di 300 miliardi di euro (352 miliardi di dollari) in impegni di prestito da parte dell’area dell’euro e del FMI dal 2010.

“L’eredità della crisi e un programma di riforme politiche incompiuto nella maggior parte dei settori pesano sulle prospettive della Grecia. L’elevato debito pubblico, la debolezza dei bilanci delle banche, la dipendenza dal controllo dei capitali e dall’aiuto di emergenza alla liquidità, nonché i preoccupanti indicatori sociali, tra cui la disoccupazione ancora elevata, incidono sulla crescita e sulla coesione sociale”.

Le diverse ipotesi sulle prospettive economiche e di bilancio della Grecia sono alla base delle divergenze di opinioni tra l’FMI e la Commissione europea in merito alla sostenibilità del debito greco. Mentre la Commissione infatti prevede che il debito scenda al 96,8% entro il 2060, il Fondo prevede un nuovo aumento del rapporto debito/PIL a partire dal 2038 circa.

“La Grecia ha bisogno di un aiuto maggiore sul debito. Bisognerà condonare una quota maggiore dei capitali prestati, altrimenti Atene incontrerà difficoltà crescenti nel mantenere l’accesso ai mercati finanziari”.

In particolare, l’FMI ha sollevato preoccupazioni per l’intenzione del governo di invertire alcune riforme del mercato del lavoro adottate nel 2011 dopo la fine del programma, e ha detto che l’equilibrio della politica fiscale deve anche essere adeguato lontano dalle tasse per sostenere la crescita.