Affitti brevi, come è cambiato il mercato con il Covid

3 Settembre 2020, di Massimiliano Volpe

In Italia il turismo è uno dei comparti più colpiti dalla pandemia. In questo scenario gli affitti turistici hanno necessariamente dovuto cambiare volto: secondo i dati di Zappyrent, startup tecnologica italiana che punta a semplificare il mercato degli affitti a medio-lungo termine, il calo dell’offerta di annunci a breve termine (case vacanza e b&b) registrato dai grandi player del settore (-37%) è stato compensato da un aumento dell’offerta di appartamenti in affitto a medio-lungo termine (+330%).

Numerosi proprietari non più in grado di sfruttare i propri appartamenti affittandoli giornalmente ai turisti hanno preferito optato per locazioni più lunghe.
Bologna, Milano e Roma le città che hanno visto mutare più velocemente la propria offerta di appartamenti: d’altro canto, sono state proprio le città che hanno sofferto maggiormente il crollo del turismo primaverile, prevalentemente straniero.
Il portale, che offre stanze e appartamenti per periodi compresi tra 1 e 24 mesi digitalizzandone il processo di scelta e gestione, ha visto cambiare anche il rapporto tra stanze e appartamenti disponibili: se i posti letto in doppia e le stanze singole nel 2019 (periodo marzo-agosto) rappresentavano ben il 72% dell’offerta, nello stesso periodo del 2020 questa percentuale è scesa al 37%.
Nello stesso periodo, la durata media del contratto d’affitto sottoscritto è passata dai 5,97 mesi agli 8,37 (+40,2%).

Come è cambiata la domanda

Nel nuovo contesto di riferimento è cambiata anche la domanda: in primo luogo, la richiesta di stanze, posti letto e appartamenti da parte di stranieri è calata del 33%.

Con i programmi Erasmus trasformati in lezioni virtuali e da remoto almeno per i prossimi mesi, è calato il bisogno di bloccare stanze e appartamenti da parte di studenti stranieri che, sin dalla nascita di Zappyrent, sono stati i maggiori utilizzatori dei virtual tour e dei processi di scelta online della propria abitazione.

Si sono ridotti drasticamente, inoltre, le ricerche per i periodi più brevi: quelle della durata di 30 giorni sono passate dal 12 all’8% del totale, mentre quelle per periodi tra 2 e 6 mesi sono scese dal 38% al 23%.
Vero boom, di contro, le richieste di durata superiore ai 12 mesi, passate dal 19 al 37% del totale.