Buffett e Dimon: finiamola con stime trimestrali, “attenti al Bitcoin”

7 giugno 2018, di Alessandra Caparello

NEW YORK (WSI) – I dirigenti spesso sentono la pressione per fare previsioni trimestrali. A dirlo Jamie Dimon e Warren Buffett che in un editoriale congiunto sul Wall Street Journal incoraggiano tutte le aziende a prendere in considerazione di abbandonare questa pratica, sostenendo che a lungo termine può soffocare gli investimenti.

Dimon, presidente e CEO di JP Morgan Chase, e Buffett, presidente e CEO di Berkshire Hathaway, hanno sostenuto in merito alle aziende che forniscono previsioni su numeri di vendite e profitti agli analisti di Wall Street, che a loro volta li utilizzano per produrre ricerche e raccomandazioni azionarie per gli investitori, che la mancanza del “numero” può spesso determinare movimenti di titoli di grandi dimensioni e a breve termine. Fare una previsione, e poi centrare l’obiettivo è un modo per gestire le aspettative ed eliminare la volatilità.

“L’orientamento agli utili trimestrali spesso porta a un’attenzione malsana per i profitti a breve termine a scapito della strategia a lungo termine, della crescita e della sostenibilità”.

Così hanno affermato i due uomini che sono tra i leader più potenti del settore finanziario. Secondo i due la pratica di dire a Wall Street cosa aspettarsi dai guadagni può distorcere le priorità delle aziende. Nell’ultimo loro appello, hanno detto che le aziende esitano spesso a spendere risorse per la tecnologia, l’assunzione e la ricerca e sviluppo per soddisfare le previsioni di guadagno trimestrali che possono essere influenzati da fattori stagionali al di fuori del loro controllo.

Proprio Jamie Dimon ha invitato in passato le aziende a smettere di fornire la guidance, dicendo che i guadagni sono difficili da prevedere e le aziende hanno un incentivo a falsificare i numeri. Buffett ha anch’egli sostenuto che la guidance può portare a un comportamento scorretto da parte delle aziende.

Entrambi hanno affermato che la pressione per soddisfare le stime a breve termine degli utili ha contribuito a un calo del numero di aziende pubbliche negli Stati Uniti negli ultimi due decenni. Numeri alla mano secondo un rapporto del 2017 del FCLTGlobal, la guidance ai guadagni può condurre i team di gestione a sottoinvestire nel futuro e può frenare la crescita degli utili.

Bitcoin, Dimon e Buffett avvertono: “fate attenzione”

In una rara intervista congiunta registrata mercoledì e mandata in onda oggi, i due finanzieri hanno avvertito sui rischi che comporta un investimento in Bitcoin. “Non voglio essere un portavoce del Bitcoin“, ha detto Dimon, precisando che il suo consiglio è “solo quello di stare attenti”.

Dimon aveva definito il Bitcoin una “frode” in settembre aggiungendo che “quelli che sono abbastanza stupidi da comprarlo un giorno la pagheranno cara”. In gennaio il top manager si è detto pentito di aver usato il sostantivo ‘frode’, anche perché la banca è attiva nel  trading di crypto e nel settore della blockchain, il protocollo alla base delle criptovalute.

“Sono stato un esempio, non so se Jamie riuscirà a fare meglio di me”. Il prezzo del Bitcoin ha perso più della metà del suo valore dopo aver toccato i massimi di sempre sopra i 19 mila dollari a metà dicembre.

Hai dimenticato la password?