Warren Buffett e Carl Icahn: due grandi investitori, due stili diversi

25 Marzo 2022, di Alessandra Caparello

Oltre a Warren Buffett, nell’olimpo dei grandi investitori mondiali, troviamo Carl Icahn, fondatore e presidente di Icahn Enterprises che però ci tiene a sottolineare che il suo stile negli investimenti è diverso da quello del collega, l’oracolo di Ohama. Ne ha parlato all’emittente Cnbc a seguito di una domanda sulla sua decisione di vendere azioni di Occidental Petroleum.

Carl Icahn e Warren Buffett: le differenze

Il conglomerato di Buffett, Berkshire Hathaway, ha costruito una posizione su Occidental Petroleum che vale miliardi. Icahn invece ha venduto per uscire dalla sua lunga posizione azionaria. Icahn ha detto che la sua decisione di scaricare Occidental, mentre i prezzi del petrolio salivano ai massimi pluriennali, deriva da filosofie contrastanti tra lui e Buffett.

“È un tipo duro con cui dissentire. Voglio dire, guardate il suo record”, ha detto il fondatore e presidente di Icahn Enterprises, alludendo al fatto che molti considerano Buffett il più grande investitore a lungo termine di tutti i tempi. “Non so se siamo completamente in disaccordo. Penso che siamo in una certa misura in un business diverso con Warren. Sono un attivista”, ha detto Icahn. “Cerco un’azienda che è, nella mia mente, molto sottovalutata come [Southwest Gas], e se  c’è qualcosa che posso fare al riguardo. Questo è quello che mi piace fare. Ecco perché vengo a lavorare ogni giorno”.

Entrambi i famosi investitori cercano titoli sottovalutati, Buffett è noto per la sua pazienza e l’orizzonte temporale esteso. “Infatti, quando possediamo porzioni di aziende eccezionali con gestioni eccezionali, il nostro periodo di detenzione preferito è per sempre”, ha scritto Buffett nella sua lettera del 1988 agli azionisti della Berkshire, mentre discuteva l’avvio di una posizione nella Coca-Cola.

Dal canto suo Icahn ha detto che le posizioni che costruisce sono meno focalizzate sulla costruzione di un portafoglio da mantenere a lungo termine. “Cerchiamo il momento per colpire e, naturalmente, avrei potuto fare molti più soldi se avessi tenuto le Apple e le Netflix che abbiamo comprato, ma le abbiamo vendute e abbiamo fatto un grande profitto”, ha detto Icahn.

Icahn ha detto alla CNBC nel 2016 che aveva venduto completamente Apple. Lo stesso anno in cui la Berkshire di Buffett ha iniziato a comprare azioni del produttore di iPhone. Da allora è diventato uno degli investimenti di maggior successo di Buffett sulla carta, rivaleggiando con il già citato possesso di Coca-Cola. Icahn ha iniziato a comprare azioni di Occidental nel 2019, nel periodo in cui la società era impegnata in una guerra di offerte per Anadarko Petroleum.

“Abbiamo fatto quasi 2 miliardi di dollari, in realtà, nelle azioni. E noi, come attivista, penso che abbiamo fatto una cosa molto buona”, ha detto Icahn, che ha aggiunto che ha ancora una “copertura” su Occidental.