Walmart crolla e trascina tutta Wall Street. Cosa sta succedendo?

26 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

Gli indici azionari statunitensi sono scesi oggi dopo che il profit warning di Walmart ha accresciuto i timori nel settore del commercio al dettaglio che i consumatori stiano tagliando la spesa a fronte dell’elevata inflazione.

Le azioni di Walmart Inc, sono crollate dell’8,7%, mentre Target e Amazon sono scese di circa il 3% ciascuna, con il gigante della vendita al dettaglio online che pesa di più sull’indice Nasdaq. In segno di una crescente pressione per sostenere i profitti in un contesto di costi più elevati, Amazon ha dichiarato, in vista dei risultati finanziari trimestrali, che aumenterà le commissioni per la consegna e il servizio di streaming Prime in Europa fino al 43% all’anno.

walmart

“Questo è ciò che accade normalmente quando l’inflazione è così alta o quando i consumatori hanno difficoltà a pagare le bollette. Le persone iniziano a diventare più selettivi nei consumi, quindi sostanzialmente riducono gli acquisti di beni voluttuari a favore dei beni di prima necessità”, ha affermato Eugenio J. Aleman, capo economista di Raymond James.

Le prospettive per la crescita Usa

Insieme all’elevata inflazione, si prevede che un dollaro più forte peserà anche sui profitti delle società che operano a livello internazionale.

I principali indici di Wall Street sono risaliti dai minimi di metà giugno poiché l’indebolimento dei prezzi delle materie prime e i dati economici negativi spingono gli investitori a ridimensionare le aspettative di rialzi dei tassi aggressivi da parte della Federal Reserve, ma i timori di una recessione hanno recentemente indebolito lo slancio. In proposito, si prevede che la Fed domani varerà un aumento dei tassi di interesse di 75 punti base al termine della sua riunione politica monetaria.

La fiducia dei consumatori statunitensi è scesa per il terzo mese consecutivo a luglio a causa delle persistenti preoccupazioni per l’aumento dell’inflazione, indicando un rallentamento della crescita economica all’inizio del terzo trimestre. È probabile che i dati anticipati sul Pil del secondo trimestre di giovedì siano negativi, dopo che l’economia statunitense si è contratta nei primi tre mesi dell’anno.

Il Fondo Monetario Internazionale (Fmi), nel frattempo, ha nuovamente tagliato le previsioni di crescita globale, avvertendo dei rischi dell’elevata inflazione e della guerra in Ucraina.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso di 69,70 punti, o 0,22%, a 31.920,34, l’S&P 500 è sceso di 21,35 punti, o 0,54%, a 3.945,49 e il Nasdaq Composite è sceso di 117,20 punti, o 0,99% , a 11.665,47.

Il punto su Wall Street

Coca-Cola ha guadagnato il 2,2% dopo che la società ha aumentato le sue previsioni di fatturato per l’intero anno, mentre McDonald’s Corp è aumentato dell’1,8% dopo aver battuto le vendite trimestrali comparabili e le aspettative di profitto.

3M Co è aumentata del 5,2% dopo che il gigante industriale ha dichiarato di voler scorporare la sua attività sanitaria.

General Electric ha guadagnato il 6,3% dopo che il conglomerato industriale statunitense ha battuto le stime di ricavi e profitti, guidato dalla forte crescita del suo settore aeronautico.

General Motors è scesa del 3,3% dopo aver registrato un calo del 40% dell’utile netto trimestrale e aver affermato che stava riducendo le spese e le assunzioni in vista di un potenziale rallentamento economico.

Le società in forte crescita, come Apple Inc, Netflix Inc, Tesla Inc, sono scese tra lo 0,2% e l’1%, mentre Alphabet Inc e Microsoft Corp è sceso di oltre l’1% ciascuno prima dell’uscita delle trimestrali.