Wall Street trova slancio nel finale

10 Febbraio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Dopo una giornata contrastata, Wall Street trova nel finale la via dei rialzi suggerendo un certo ottimismo in vista domani della testimonianza in Congresso del nuovo presidente della Fed Janet Yellen. Gli esperti non si aspettano nessun cambio di rotta sul fronte della politica monetaria, in quanto la situazione del mercato del lavoro appare ancora incerta. Le domande con ogni probabilita’ si concentreranno sul futuro del piano di stimoli.

A fine seduta momento, il Dow Jones sale dello 0,05% a 15.802 punti, il Nasdaq avanza dello 0,54% a 4.148 punti e lo S&P 500 aggiunge lo 0,17% a 1.800 punti.

Il petrolio ha terminato la seduta in modesto aumento: i future a marzo sono cresciuti di 18 centesimi a 100,06 dollari il barile, ai massimi dall’inizio dell’anno. Nel frattempo, i titoli di Stato americani chiudono poco mossi con rendimenti al 2,68% per il benchmark decennale e al 3,67% per il titolo trentennale. Sui mercati valutari, l’euro guadagna a 1,3643 dollari.

La scorsa settimana l’indice S&P 500 è salito +0,8% dopo aver ceduto per tre settimane consecutive. Più del 76% delle società che hanno comunicato i loro bilanci hanno battuto le stime degli analisti, stando ai dati riportati da Bloomberg.

Positivo sulla performance dell’indice Lazlo Birinyi, fondatore di Birinyi Associates, e uno dei primi analisti a consigliare ai clienti di tornare ad acquistare quando le azioni toccarono il fondo dopo la crisi finanziaria del 2008. Il gestore dei fondi ritiene che lo S&P salirà quasi +6% entro luglio, testando quota 1.900 punti. Non tutti sono però d’accordo. Secondo un report pubblicato oggi da un’istituto di ricerca finanziario, il mercato americano è seduto su una bomba a orologeria pronta a esplodere.

Tra I titoli in evidenza: Yahoo ha concluso un accordo di partnership con Yelp per arricchire il suo motore di ricerca, secondo quanto riporta il Wall Street Journal. Boeing ha confermato le stime di una domanda mondiale di aerei per un totale di 4.800 miliardi di dollari nei prosismi 20 anni, di cui la metà nell’area Asia-Pacifico. Aol: L’ad dell’azienda ha fatto marcia indietro sulla decisione di tagliare i benefici al pensionamento dei dipendenti. Bebe Stores ha dato mandato a Guggenheim Securities di esplorare l’opzione di una vendita dell’azienda a un fondo di private equity, secondo alcune fonti. Il titolo è salito di oltre il 14% venerdì scorso. McDonald’s ha riportato vendite globali superiori alle attese. Conferma la buona performance Apple dopo che l’investitore Carl Icahn ha rivisto la sua posizione, suggerendo che non c’e’ motivo per aumentare il buyback effettuato dalla societa’ tecnologica.

Sul valutario, euro a $1,3643; dollaro/yen -0,16% a JPY 102,17; euro/franco svizzero -0,12% a CHF 1,2228. Euro/yen -0,26% a JPY 139,21.

Riguardo alle materie prime, i commodities, i futures sul petrolio a $100,6, il prezzo dell’oro +0,61% a quota $1.273,50 l’oncia.