Wall Street tenta l’allungo

29 Aprile 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Prosegue in moderato progresso la seduta per il mercato azionario americano che, aiutato dalle notizie positive in ambito aziendale, tentera’ di estendere il rally. Al giro di boa il Dow avanza di mezzo punto percentuale, ma il Nasdaq e’ piatto e l’S&P e’ in progresso solo marginale. Il paniere delle blue chip ha messo a segno rialzi superiori al 2% nelle ultime tre sedute e oggi cerchera’ di allungare la serie, per chiudere il mese con il maggior incremento da dicembre. Se la performance degli indici dovesse rimanere questa, Wall Street registrera’ la migliore settimana nelle ultime cinque.

Il maggiore supporto lo offre il fronte societario, con il colosso di macchinari da terra Caterpillar che ha alzato l’outolook per il 2011. Bene anche gli utili di Microsoft e Merck, piu’ alti delle attese. Research in Motion, societa’ madre del Blackberry, ha invece rivisto al ribasso le stime sui profitti dell’esercizio in corso. Sotto i riflettori il settore solare dopo che Total ha annunciato che acquistera’ un quota del 60% di SunPower al prezzo di $23,25 per azione, un prezzo che rappresenta un premio del 50% rispetto al valore dei titoli. Nel primo trimestre gli utili annunciati per ora dalle aziende americane sono il 26% piu’ alti rispetto a un anno fa e sono sulla buona strada per registrare un profitto per azione record di $22,05.

Intanto sono giunte nuove indicazioni macroeconomiche. i redditi personali e le spese al consumo sono risultati di poco superiori alle previsioni. Le spese si sono concentrate sopratutto in alimentari e benzina. Lievemente sotto le attese l’indice Chicago PMI, mentre l’indice della fiducia dei consumatori misurato dall’Universita’ del Michigan ha fatto meglio delle previsioni.

Sul mercato valutario, rimane sotto i riflettori la continua forza dell’euro, che staziona sopra quota $1,48, a fronte del minimo degli ultimi tre anni che continua a essere testato dal Dollar Index, l’indice che misura la performance del biglietto verde nei confronti delle sei principali valute rivali.

Sugli altri mercati, i contratti del greggio con consegna maggio guadagnano lo 0,02% a $112,88 il barile. I contratti con scadenza giugno sull’oro sono in progresso dello 0,37% $1.536,9 l’oncia, mentre continua il ritracciamento dell’argento. Sul fronte valutario l’euro e’ in progresso dello 0,12% a $1,4840. Quanto ai Treasury, il rendimento sul decennale si attesta a quota 3,32%, in flessione di 0,7 punti base.