Wall Street tenta il riscatto cavalcando l’onda degli acquisti

5 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Wall Street, a metà seduta, cavalca l’onda degli acquisti decisa far cadere nell’oblìo la brutta performance di ieri. Dopo un avvio già in rialzo, i listini americani hanno accelerato, galvanizzati dall’unico dato macro della giornata , ossia l’ISM non manifatturiero a stelle e strisce che, a settembre, è salito ben oltre le attese. L’attenzione, comunque, rimane focalizzata sul vero dato market mover della settimana: il tasso di disoccupazione a stelle e strisce atteso per venerdì. Sul valutario, il dollaro arretra nei confronti dell’euro, con il cross EUR/USD che sfonda la soglia degli 1,38 usd a 1,3835 USD. I riflettori restano, però,puntati sulla riunione di politica monetaria della BCE in calendario giovedì e dall’annuncio tassi della Bank of England. La divisa di Eurolandia recupera terreno anche nei confronti dello yen, attestandosi a 115,14 dopo che il Consiglio direttivo della Banca Centrale del Giappone (BOJ) ha deciso di tagliare l’attuale politica monetaria abbassando i tassi di interesse tra lo zero e lo 0,1%, rispetto al precedente 0,1%. Debole il biglietto verde nei confronti dello yen, con quotazioni a 83,24 yen. Intanto, il Fondo Monetario Internazionale nel suo Global Financial Stability Report ha annunciato che è migliorata la salute delle banche anche se “il sistema finanziario resta il tallone d’Achille della ripresa economica. Sullo sfond, comunque, rimangono le notizie scoraggianti sullo stato di salute dell’Irlanda. Oggi Moody’s ha messo il rating sui titoli di stato irlandesi sotto osservazione per un possibile taglio. A metà seduta il Dow Jones mostra un rialzo dell’ 1,61% a 10924,21 punti, l’S&P500 un incremento dell’1,89% a 1158,53 punti ed il Nasdaq una plusvalenza del ,12% a quota 2368,5.