Wall Street reagisce bene ai dati sull’inflazione Usa, indici in rialzo

10 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

L’inflazione negli Usa a luglio è aumentata “solo” dell′8,5% rispetto a un anno fa, un ritmo in rallentamento rispetto al mese precedente dovuto principalmente al calo dei prezzi della benzina.

Su base mensile, i prezzi sono rimasti stabili poiché i prezzi dell’energia sono diminuiti sostanzialmente del 4,6% e la benzina è scesa del 7,7%. Ciò ha compensato un aumento mensile dell′1,1% dei prezzi dei generi alimentari e un aumento dello 0,5% dei costi degli alloggi.

Escludendo la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, il cosiddetto CPI core è aumentato “solo” del 5,9% annuo e dello 0,3% mensilmente, rispetto alle rispettive stime del 6,1% e dello 0,5%. Anche con numeri inferiori alle attese, le pressioni inflazionistiche sono rimaste forti.

Inflazione, come hanno reagito i mercati

I mercati Usa hanno reagito positivamente al rapporto, con i future legati al Dow Jones Industrial Average in rialzo di oltre 470 punti e i rendimenti dei titoli di Stato in forte calo. Mentre il Nasdaq composite è in aumento dell’1,92% al momento della stesura.

Grafico giornaliero Dow Jones - Tradingview

“Le cose si stanno muovendo nella giusta direzione”, ha affermato Aneta Markowska, capo economista di Jefferies. “Questo è il rapporto più incoraggiante che abbiamo avuto da un po’ di tempo”.

Il rapporto è stato una buona notizia per i lavoratori, che hanno visto un aumento mensile dello 0,5% dei salari reali. La retribuzione oraria media corretta per l’inflazione era ancora in calo del 3% rispetto a un anno fa.

I costi continuano ad aumentare

I costi di affitto, che costituiscono circa un terzo della ponderazione CPI, hanno continuato a crescere e sono aumentati del 5,7% negli ultimi 12 mesi.

I numeri indicano che le pressioni inflazionistiche si stanno leggermente attenuando, ma rimangono comunque vicine ai livelli più alti dall’inizio degli anni ’80.

Catene di approvvigionamento intasate, domanda smisurata di beni rispetto ai servizi e migliaia di miliardi di dollari di stimoli fiscali e monetari legati alla pandemia si sono combinati per creare un ambiente di prezzi elevati e crescita economica lenta che ha infastidito i responsabili politici.

Il calo dei prezzi del gas di luglio ha fornito qualche speranza dopo che i prezzi alla pompa sono aumentati di oltre $ 5 al gallone. Ma la benzina è ancora in aumento del 44% rispetto a un anno fa e l’olio combustibile è aumentato del 75,6% su base annua, nonostante un calo dell′11% a luglio.

I funzionari della Federal Reserve stanno usando una ricetta per aumentare i tassi di interesse e il relativo inasprimento della politica monetaria nella speranza di respingere i numeri di inflazione che stanno andando ben al di sopra del loro obiettivo di lungo periodo del 2%. La banca centrale ha finora aumentato i tassi di prestito di riferimento di 2,25 punti percentuali nel 2022 e i funzionari hanno fornito forti indicazioni che stanno arrivando altri aumenti.

Ci sono state alcune buone notizie all’inizio di questa settimana quando un sondaggio della Fed di New York ha indicato che i consumatori hanno ridotto le aspettative di inflazione per il futuro. Ma per ora, l’impennata del costo della vita rimane un problema.

Mentre l’inflazione ha accelerato, il prodotto interno lordo è diminuito per i primi due trimestri del 2022. La combinazione di crescita lenta e aumento dei prezzi è associata alla stagflazione, mentre i due trimestri consecutivi del PIL negativo soddisfano una definizione ampiamente condivisa di recessione.

I recenti commenti dei responsabili politici hanno indicato un terzo aumento consecutivo dei tassi di interesse di 0,75 punti percentuali alla riunione di settembre. A seguito del rapporto CPI, i prezzi di mercato si sono invertiti, con i trader che ora prevedono una migliore possibilità di una mossa inferiore di 0,5 punti percentuali.

“Perlomeno, questo rapporto allevia la pressione sulla Fed al prossimo incontro”, ha detto Markowska. “Hanno detto che sono pronti a fornire un aumento di 75 punti base, se necessario. Penso che non debbano più farlo”.