Wall Street in ripresa, S&P500 sopra il massimo di tre mesi

12 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

Giovedì l’ S&P 500 è stato scambiato al suo livello più alto in più di tre mesi, estendendo un rally dalla sessione precedente poiché nuove prove di un raffreddamento dell’inflazione hanno ulteriormente rafforzato le speranze di un aumento più contenuto dei tassi di interesse.

I titoli growth e tecnologici sono rimbalzati dopo che i dati hanno mostrato che i prezzi alla produzione negli Stati Uniti sono scesi inaspettatamente a luglio, rafforzando la possibilità di un aumento di 50 punti base da parte della Federal Reserve a settembre invece di 75 punti base.

Nel frattempo, il numero di americani che hanno presentato nuove richieste di sussidi di disoccupazione è aumentato per la seconda settimana consecutiva, indicando un ulteriore indebolimento del mercato del lavoro nonostante le condizioni difficili.

Gli indici hanno registrato un forte rialzo mercoledì a seguito di un aumento dei prezzi al consumo più debole del previsto. I guadagni sono arrivati ​​anche se i politici non hanno lasciato dubbi sul fatto che inaspriranno la politica monetaria fino a quando le pressioni sui prezzi non saranno completamente infrante.

“I tassi devono ancora salire anche se nel brevissimo periodo il mercato sta reagendo positivamente… L’inflazione è un po’ più moderata, ma l’inflazione non è ancora scomparsa come un problema”, ha affermato Chuck Lieberman, chief investment officer di Advisors.

Gli operatori stanno ora valutando una probabilità superiore al 67,5% che la Fed aumenti il ​​tasso di interesse di 50 punti base.

Il Dow Jones Industrial Average in rialzo 160 punti, o 0,48%, a 33.533,79, l’ S&P 500 in rialzo dello 0,31% e il Nasdaq Composite era in rialzo di 91,93 punti, o 0,72 %, a 12.946,74.

Le banche sembravano destinate a prolungare la loro ascesa, con Bank of America in rialzo del 2,0%.

“La gente prevede che ci saranno molti più prestiti in futuro se l’economia andrà bene e l’inflazione diminuirà”, ha affermato Hugh Anderson, amministratore delegato di Hightower Advisors.

Titoli ad alta crescita come Apple e Amazon le cui valutazioni sono vulnerabili all’aumento dei rendimenti obbligazionari, sono aumentati poiché i rendimenti dei Treasury statunitensi hanno continuato a diminuire.

Nelle notizie guidate dai guadagni, Walt Disney è balzato dell’8,9% quando il gigante dei media ha superato il rivale Netflix con 221 milioni di clienti in streaming e ha annunciato che aumenterà i prezzi per i clienti che vogliono guardare Disney+ o Hulu senza pubblicità.

Analisi tecnica S&P500

Dopo il potente rally di mercoledì, l’ S&P 500 ha superato un livello di massimo chiave intorno all’area di 4.175 e ha segnato la sua chiusura migliore in più di tre mesi. Con il sentiment in via di miglioramento e lo slancio rialzista ancora forte, l’indice azionario potrebbe presto raggiungere il ritracciamento di Fibonacci del 50% del movimento totale sell del 2022, a quota 4.232.

Con ulteriore forza, l’attenzione si sposta più in alto verso la resistenza vicino al livello psicologico di 4.300. Un’altra variabile che potrebbe rafforzare le attività di rischio è la minore volatilità. Con il VIX scambiato al di sotto della maniglia 20 e al suo livello più basso dall’inizio di aprile, gli investitori conservatori, che sono rimasti in disparte negli ultimi mesi per sfuggire al bagno di sangue di Wall Street, potrebbero iniziare a rientrare, impiegando più capitale nelle azioni nel loro tentativo di catturare qualche vantaggio. Ciò potrebbe rafforzare l’asset e puntare al livello psicologico dei 4500.

D’altra parte, se i sellers dovessero riprendere il controllo del mercato e innescare un’inversione ribassista, il supporto iniziale appare a 4.100. Se questo floor venisse invalidato, i trader dovrebbero prepararsi alla possibilità di un pullback verso zona 4000-3900. Se neanche tale zona dovesse resistere, allora avremmo una continuazione ribassista con la formazione di nuovi minimi.

Grafico giornaliero S&P500 - Tradingview