Wall Street in rialzo, il rally continua

11 Agosto 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) -Bilancio in rialzo per la Borsa Usa, che oggi ha continuato sulla scia del rally di venerdì. Ad alimentare l’ottimismo l’idea di un intervento lampo in Iraq e soprattutto sulla convinzione che le tensioni tra Russia e Ucraina non avranno ulteriori escalation.

Nel finale, il Dow guadagna lo 0,10% a 16.570 punti, il Nasdaq cresce dello 0,69% a 4.404 punti mentre lo S&P 500 fa +0,28% a 1937 punti.

Inoltre, il vicepresidente della Federal Reserve, Stanley Fischer, ha detto che la ripresa negli Stati Uniti e nelle economia globali e’ stata fino ad ora “deludente”, indicando che la banca centrale americana non optera’ per una stretta monetaria nell’immediato.

I petrolio chiude in rialzo: i future con consegna a settembre avanzano dello 0,5% a 98,14 dollari il barile. Nel frattempo, i titoli di Stato americani hanno azzerato le perdite con il rendimento del benchmark decennale al 2,41% e quello del trentennale al 3,22%. Sui mercati valutari, l’euro cala a 1,3387 dollari mentre il biglietto verde scende a 102,13 yen.

Standard & Poor’s 500 e Dow Jones venerdì hanno messo a segno la miglior performance da marzo sulla notizia che la Russia stava terminando le esercitazioni militarial confine con l’Ucraina, mossa vista come indicativa del fatto che non saranno inviate nel breve nuove truppe nel paese. Tuttavia oggi il capo della Nato Anders Fogh Rasmussen ha detto di considerare altamente probabile l’intervento militare della Russia nell’Ucraina orientale e ha detto che la Nato non vede segnali di un ritiro dal confine dei suoi soldati.

Nel contempo gli Usa hanno lanciato un attacco aereo sull’Iraq con l’obiettivo di colpire i militanti islamici che stanno marciando sulla regione curda del paese. Infine in Medio Oriente è stata siglata una tregua di 72 ore tra israeliani e palestinesi.

Tra i titoli in evidenza, Priceline.Com ha annunciato stime sul terzo trimestre inferiori alle attese a causa degli elevati investimenti dedicati all’espansione internazionale. Kinder Morgan balza del 10,41% dopo l’annuncio di consolidamento delle sue controllate in un’unica societa’ energetiche. KKR (+0,35%) e’ protagonista di una battaglia con il fondo di private equity rivale TPG Capital per aggiudicarsi il secondo maggiore produttore di vino al mondo, l’australiano Treasury Wine Estates.

GlaxoSmithKline (-0,47%) iniziera’ presto test clinici per un vaccino sperimentale contro l’Ebola. Continua il rally di Tekmira Pharmaceuticals (+21%), che venerdi’ scorso ha ricevuto dalla Fda americana il via libera per somministrare il suo farmaco sperimentale in pazienti colpiti dall’Ebola.