Wall Street crolla dopo i dati sull’inflazione

13 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Wall Street crolla drasticamente nella sessione pomeridiana, interrompendo una serie di rialzi durata 4 giorni, dopo che i dati hanno mostrato che i prezzi al consumo mensili statunitensi sono aumentati inaspettatamente ad agosto, rafforzando le scommesse su un terzo aumento consecutivo di 75 punti base da parte della Federal Reserve la prossima settimana. Tutti gli 11 settori dell’S&P sono diminuiti all’inizio delle contrattazioni, guidati da un calo del 3,3% nel settore dei servizi di comunicazione.

Le azioni tecnologiche mega-cap Apple Inc e Microsoft Corp sono scese di oltre il 2,3% ciascuna, mentre Tesla Inc, Alphabet Inc, Amazon.com Inc e Meta Platforms Inc sono scese tra il 2,7% e il 5,6%, per pesare di più sull’S&P 500 e sul Nasdaq.

Il rapporto sull’indice dei prezzi al consumo (CPI) ha mostrato che il CPI mensile è aumentato dello 0,1% ad agosto da luglio, contro le aspettative di un calo dello 0,1%. Su base annua è aumentato dell’8,3%, mentre gli economisti prevedevano un aumento dell’8,1%.

Escludendo le componenti volatili di cibo ed energia, il CPI core è aumentato al 6,3% dal 5,9% di luglio, esercitando ulteriori pressioni sulla Fed affinché continui la sua corsa al rialzo dei tassi.

“Chiunque pensasse che l’inflazione avrebbe iniziato a scendere solo perché la Fed ha aumentato un paio di volte i tassi, è abbastanza ignorante sul modo in cui funziona l’economia”, ha affermato Doug Fincher, gestore di Ionic Capital Management.

La scorsa settimana i membri della Fed hanno sottolineato la loro determinazione a continuare ad aumentare i tassi fino a quando non si verificherà un calo sostenuto dell’inflazione, che ha raggiunto i massimi da 40 anni e al di sopra dell’obiettivo della Fed del 2%.

I mercati monetari ora vedono una probabilità dell’81% di un aumento dei tassi di 75 punti base e una probabilità del 19% di un enorme aumento di 100 punti base da parte della Fed nella riunione del 20-21 settembre, mentre si prevede che i tassi raggiungeranno un picco di circa il 4,28% a marzo 2023.

Il dollaro, che quest’anno è cresciuto nettamente in parte a causa delle aspettative di rialzi aggressivi dei tassi da parte della Fed, ha cancellato le perdite mattutine per salire dell’1%.

Il divario tra i rendimenti dei titoli a due e 10 anni, spesso visto come un indicatore di una recessione incombente, si è ulteriormente invertito. I titoli delle banche sensibili ai tassi sono scesi del 2%.

Il Dow Jones Industrial Average al momento della redazione di questo articolo è sceso del 2,66%, l’S&P 500 del 3,09% e il Nasdaq Composite del 3,99%

I tre principali indici si sono recentemente rafforzati quando gli investitori hanno approfittato del forte calo dei prezzi delle azioni da metà agosto, innescato dalle preoccupazioni per l’aumento vertiginoso dell’inflazione e dall’impatto di una politica monetaria più restrittiva per frenarla.

L’indice di volatilità CBOE, o indice della paura di Wall Street, è salito a 24,97 punti.