WALL ST. PIATTA, RIPRENDE L’ATTIVITA’ M&A

28 Aprile 2008, di Redazione Wall Street Italia

Seduta poco mossa per la borsa di New York dove e’ prevalso un atteggiamento di cautela da parte degli operatori in attesa degli importanti dati macro che verranno diffusi nei prossimi giorni. Il Dow Jones ha ceduto lo 0.16% a 12871, l’S&P500 lo 0.11% a 1396, il Nasdaq e’ avanzato dello 0.06% a 2224.

Il calendario privo di aggiornamenti di rilievo ha contribuito a focalizzare l’attenzione degli investitori sulle operazioni di fusioni ed acquisizioni societarie. Ad offrire un supporto ai listini sono state dunque le operazioni condotte nel settore retail e nel comparto automobilistico. Le due leggendarie icone americane della cioccolata e snack vari, Mars e Wrigley (WWY) hanno raggiunto un accordo di merger per cui la prima rilevera’ l’altra per un corrispettivo di $23 miliardi. Il miliardario Warren Buffett ha annunciato che rilevera’ una fetta dell’azienda per un corrispettivo di $2.1 miliardi dopo aver supportato l’operazione attraverso un investimento di $4.4 miliardi in debito subordinato. Il titolo WWY e’ schizzato +25%.

A salire energicamente e’ stato anche il titolo dell’azienda automobilistica Ford Motor (F), avanzato di oltre il 9% grazie all’offerta di acquisto fino a 20 milioni di azioni avanzata da Tracinda, la societa’ dell’investitore miliardario Kirk Kerkorian (tre anni fa intervenuto su General Motors), gia’ detentore di 100 milioni di azioni.

L’interesse dei due investitori alle operazioni societarie sembra aver ridato una certa fiducia al mercato su un proseguimento del rally e su un miglioramento degli utili aziendali. “Cio’ dimostra come ancora ci siano delle buone opportunita’ sull’azionario, con titoli che trattano evidentemente a sconto” ha affermato John Carey, manager di Pioneer Investment Management. “Con un’analisi mirata, un po’ di pazienda e di tempo, questo e’ un gran momento per investire”

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

A tenere banco e’ stata anche la proposta di Microsoft (MSFT) per il gigante media attivo sul Web, Yahoo! (YHOO) in seguito alla mancata risposta del gruppo Internet entro il limite massimo consentito dalla societa’ di Gates. L’offerta di acquisto avanzata a febbraio potrebbe presto trasformasi dunque in un takeover ostile.

L’indice S&P500 e’ salito di circa 10 punti percentuali dai minimi di 19 mesi toccati lo scorso 10 marzo supportato dagli utili di Google, Intel, Boeing e American Express. Il 69% delle 240 aziende facenti parte del listino che hanno diffuso i risultati fiscali fino ad oggi hanno battuto le attese degli analisti.

Verizon (VZ) e’ avanzato del 3% circa dopo aver riportato un rialzo del 10% dei profitti; sugli scudi anche Sysco (SYY), il principale fornitore americano attivo nell’industria alimentare, grazie ai risultati migliori del consensus. Grande attesa ora per i numeri del colosso delle carte di credito Visa (V) che saranno comunicati subito dopo la chiusura delle borse. Le attese degli analisti sono per un utile per azione pari a 46 centesimi.

Sugli altri mercati, poco variato, ma ancora in rialzo il greggio. I futures con consegna giugno hanno archiviato la seduta in progresso di 23 centesimi a $118.75 al barile. Sul valutario, euro in lieve recupero sul dollaro. Nel tardo pomeriggio di lunedi’ a New York il cambio tra le due valute e’ di 1.5645. In rialzo l’oro. I futures con consegna giugno sul metallo prezioso hanno guadagnato $5.80 a $895.50 l’oncia. Seduta in progresso infine per i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.835%.

parla di questo articolo nel Forum di WSI