Storia di una influencer e della sua consulente finanziaria

29 Agosto 2019, di Redazione Wall Street Italia

di Valentina Proietti Muzi, consulente finanziaria di Roma

CHE COSA FARO’ DA GRANDE?

È proprio questa la domanda che, durante il nostro ultimo incontro, mi pone Sabrina, una mia giovane cliente di 28 anni, che da un paio di anni è riuscita a crearsi un numeroso pubblico sui social, in particolare su Instagram, e ha trasformato quella che all’inizio era una semplice passione, cioè testare prodotti cosmetici e di cura del corpo, in un vero e proprio lavoro.

“Capisci, Valentina – mi dice – ora l’attività va bene, ma quanto durerà?”. E continua: “Le aziende che ora mi contattano per provare e pubblicizzare i loro prodotti non lo faranno in eterno. Quindi, che cosa farò da grande?”.

È ormai passato quasi un anno da quando le ho parlato di avviare un fondo pensione e un piano di accumulo consistente, per ridurre la liquidità sul conto corrente e dare al suo capitale la possibilità di crescere e consolidarsi nel tempo. In questo periodo, però, Sabrina ha solo continuato ad accantonare i soldi sul conto. Ora deve essere accaduto qualcosa che l’ha fatta riflettere su ciò che le avevo proposto. Mi confida di aspettare un bambino e che questo evento le ha fatto valutare sotto una nuova luce le mie indicazioni di investimento e di pianificazione.

D’altronde, un’attività atipica come quella di Sabrina  – e come quella di tanti millennials sebbene a differenza di altre attività le stia permettendo di guadagnare bene e in fretta, porta con sé molti aspetti di incertezza: si tratta infatti di un settore (quello dei prodotti di bellezza) in cui il massimo di produttività è legato all’età anagrafica.

 

Un po’ come per gli atleti professionisti, anche in questo settore la vita media lavorativa di una influencer, cioè di una giovane che divulga e promuove prodotti e servizi di un dato settore è piuttosto breve. Un atleta professionista come un calciatore può sperare di lavorare per dieci, forse quindici anni: una influencer ha probabilmente un orizzonte di produttività inferiore. Una giovane donna come Sabrina ha di certo nel breve termine un ritorno economico e mediatico di tutto rilievo, ma questo non basta.

Il rischio di far sfumare un patrimonio in poco tempo è infatti molto concreto.

Pianificazione finanziaria strategica

Da questo punto di vista, il mio ruolo di consulente finanziario è importante, non solo per aiutarla a scegliere gli strumenti di investimento più idonei, ma anche per aiutarla a capire in che modo destinare i soldi investiti, quello che gli inglesi chiamano “goal-based investing”.

Oltre al fondo pensione, infatti, le ho proposto un anno fa un piano di accumulo, ma ora penso (anche visto il suo volume di affari) che i piani di accumulo debbano essere almeno due: uno per accantonare ricchezza in caso di eventuali fasi lavorative meno floride, l’altro per progettare le basi di una sua attività imprenditoriale che le permetta di continuare a lavorare nel settore che ama, ma in modo più strutturato.

Le propongo anche di utilizzare parte delle sue entrate per seguire un corso di formazione (per esempio, in business management): il patrimonio da proteggere, infatti, non è solo quello finanziario, ma anche quello di conoscenze e competenze, su cui è necessario investire in modo continuativo nella propria vita.

Infine, visto l’arrivo del bambino, oltre a una polizza salute che la protegga da eventuali infortuni o malattie che possano renderle difficile il lavoro e che le permetta di coprirsi dalle spese mediche che dovrà sostenere, le propongo anche un fondo pensione per il figlio, come regalo di nascita.

Ci siamo date appuntamento per dopo le ferie per stabilire nel dettaglio le cifre da disporre e nei prossimi giorni ci incontreremo di nuovo.

 

Questo articolo fa parte di una nuova rubrica di Wall Street Italia dedicata ai consulenti finanziari che vogliono raccontare le loro esperienze e iniziative professionali. Se siete interessati a pubblicare una vostra storia scriveteci a: social.brown@triboo.it


L’autore è esclusivo responsabile del presente contributo, su cui non è eseguito alcun controllo editoriale da parte di Brown Editore S.r.l.. Il presente articolo non può costituire e non deve essere considerato in nessun caso una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma di investimento, ne raccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza