Investimenti Esg, l’importanza della consapevolezza per un investitore

8 Novembre 2019, di Redazione Wall Street Italia

Articolo di Maria Giovanna Sammatrice, indipendent scientific analyst e consulente super partes. 

Proteggere i propri risparmi e investirli in modo profittevole, è la priorità di ogni risparmiatore. La ricerca di stabilità e sicurezza rientra nei bisogni primari dell’uomo, tutti aspetti che da tempo sembra stiano venendo meno generando pessimismo e immobilismo.

Qual è la situazione oggi?

In ambito finanziario rilevo che molti investitori soffrono l’attuale situazione di sfiducia e insicurezza e sono particolarmente sensibili agli impatti che derivano dai cambiamenti climatici, problematiche sociali ed etiche che quotidianamente percepiscono, ma è solo una sensazione, non hanno ancora preso coscienza.

Cosa muove il mondo da sempre?

Fondamentalmente il business, il guadagno a tutti i costi, spesso solo dopo vengono i valori.

E’ necessario invertire questo ciclo involutivo che va a scapito del pianeta e delle persone che ci vivono attuando invece un ciclo virtuoso orientato anche al bene comune.

E’ responsabilità di tutti noi operatori del settore indirizzare questa consapevolezza coinvolgendo famiglie e generazioni successive verso strumenti che prestano attenzione all’aspetto ambientale, sociale ed etico.

Come fare allora a coniugare business e valori, aspetti apparentemente in conflitto?

Gli investimenti sostenibili e responsabili sono la soluzione.

I comportamenti virtuosi di ognuno nel quotidiano sono indispensabili ma molto lenti e onerosi prima che prendano forma e solo utilizzando la leva finanziaria, si può segnare un cambiamento molto veloce e significativo.

Cosa s’intende per investimenti sostenibili e responsabili?

I fondi sostenibili, denominati con la sigla SRI, Sustainable and Responsible Investments, selezionano le aziende che integrano nelle loro strategie di sviluppo tre fattori: la protezione dell’ambiente (risparmio energetico, energie rinnovabili, gestione delle risorse idriche, trattamento e riciclaggio di rifiuti, rispetto ambientale), la dimensione sociale (lotta alla povertà, diritti umani, tutela della salute, istruzione, etc.) e la buona governance (il processo decisionale dell’azienda, i criteri remunerativi dei manager, le procedure di controllo, i comportamenti dei vertici e dell’azienda a tutela del lavoratore).

ESG è sinonimo di Finanza Sostenibile e Responsabile, interpreta la ricerca del rendimento finanziario associato al rispetto di principi etici, sociali ed ambientali ovvero contribuire attivamente a una buona causa offrendo anche rendimenti interessanti,superiori a quelli dei fondi tradizionali, a fronte anche e soprattutto di una minor
volatilità proprio perchè i fondi investono solo in quei Paesi e Società che rispettano severi criteri di sostenibilità.

Investire in Finanza Sostenibile rende “più che il doppio”, l’indice MSCI WORLD SRI a confronto con l’indice MSCI WORLD lo conferma.

Ad esempio, la finlandese NESTE , l’ex colosso petrolifero, terza società più sostenibile al mondo, è diventato un grande produttore di diesel rinnovabile partendo dagli scarti alimentari. Dal 2011 il settore europeo petrolifero ha performato del 17%, NESTE del 1350%.

 

I vantaggi in concreto

Investire in società sostenibili come NESTE, che rappresentano poi il sottostante dei fondi responsabili, vuol dire anche premiare il portafoglio.

Oltre a rendimenti superiori, si evita di continuare a “finanziare inconsapevolmente” con gli investimenti tradizionali settori quali energia nucleare, armi, lavoro minorile, gioco d'azzardo, emissioni di CO2, test sugli animali, e tutta quella parte dell’economia che ha a cuore solo i propri interessi ignorando il bene di tutti.

Il processo d’investimento deve essere sempre un percorso consapevole e trasparente. La consapevolezza rende liberi, aiuta a difendersi e a poter fare meglio.

Sono diverse le Società di Gestione su scala internazionale che da anni si stanno occupando di Finanza Sostenibile e altre si stanno velocemente allineando, ma non tutti i fondi superano i criteri ESG, Environment, Social and Governance ovvero Ambiente, Sociale e Governance.

Al fine di essere sicuri di investire effettivamente in fondi SRI, è fondamentale una verifica accurata presso un professionista qualificato che individui e valuti imparzialmente e oggettivamente tramite Analisi, gli strumenti finanziari migliori sull’intero panorama mondiale, se appunto i fondi rispettano i criteri di sostenibilità.

La Finanza Sostenibile e Responsabile non è una moda, è una necessità per salvaguardare l’ambiente in cui viviamo ma può rappresentare anche una scelta strategica d’investimento.

“About me”

Sono un Consulente Super Partes, dal 2004 mi occupo di consulenza finanziaria e patrimoniale. E’ una competenza che ho avuto modo di sviluppare seguendo importanti situazioni prospettatemi da clienti.

Esperta di Finanza Sostenibile, dal 1998 studio e approfondisco i processi d’investimento, fondi e sicav, i cui gestori operano scartando investimenti non in linea con i principi ESG.

Opero con incarico da parte di SOL&FIN Sim S.p.A che mi garantisce un’autonomia operativa straordinaria che avvantaggia i clienti in termini di diversificazione. Opero con i migliori gestori specializzati nei singoli paesi e settori e in analisi di mercato, con grande attenzione ai costi e all’aspetto fiscale e alla pianificazione successoria e alla protezione del capitale investito.
I miei clienti apprezzano molto questo mio modo di operare e con orgoglio mi rappresentano.

 

Questo articolo fa parte di una nuova rubrica di Wall Street Italia dedicata ai consulenti finanziari che vogliono raccontare le loro esperienze e iniziative professionali. Se siete interessati a pubblicare una vostra storia scriveteci a: social.brown@triboo.it


L’autore è esclusivo responsabile del presente contributo, su cui non è eseguito alcun controllo editoriale da parte di Brown Editore S.r.l.. Il presente articolo non può costituire e non deve essere considerato in nessun caso una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma di investimento, ne raccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza