Covid 19: come evitare il contagio finanziario

6 Luglio 2020, di Redazione Wall Street Italia

Articolo di Luca Losco,  Private Banker di Civitanova Marche

Dato per assodato che la crisi seguita alla diffusione del virus ha scatenato il caos sui mercati azionari, dirottando parecchi indici verso i loro minimi da molti anni a questa parte, e che un vero porto sicuro è difficile da trovare…adottare un diverso punto di vista e cambiare prospettiva ti consentirà di intravedere oggi come sarà il nostro domani, per te e per i tuoi figli.

In momenti bui come questo è molto più difficile dibattere su come sarà il mondo nelle settimane a venire piuttosto che elevarsi al di sopra della nebbia e provare a vedere più in là, cercando di capire quali potranno essere le prospettive di qui a cinque anni. Una cosa è certa. Il mondo è arrivato ad elevati livelli di tecnologia, e sarà proprio la tecnologia a fornirci gli strumenti per uscire da questa crisi. Pensa a cosa è successo dopo il fallimento di Lehman Brothers: sono nate Pinterest e What’s App e molto altro.

Opportunità nel lungo termine

Oggi la crisi legata a Covid19 ha portato con sé un’impennata della domanda per tutti quei servizi legati all’emergenza, come il settore sanitario, le piattaforme tecnologiche, la ricerca di una cura, il trattamento dei malati, il contenimento del virus, la robotica, la sicurezza informatica, il digitale e l’applicazione di sistemi che consentano alle società di continuare ad essere operative. Oltre alla cura dell’ambiente, il lockdown ha avuto come conseguenza positiva un netto miglioramento delle condizioni climatiche e se oggi è stato un virus a costringerci in casa, domani potrebbe essere un’emergenza climatica. Tutto questo ha creato nuove opportunità anche per gli investitori a lungo termine che, attraverso i loro investimenti, possono giocare un ruolo importante nel salvare vite umane e sviluppare soluzioni, oltre che tutelare i propri risparmi.

Oltre a ciò, un recente studio di Reputation Institute – leader mondiale nella misurazione e gestione della reputazione aziendale – ha misurato la reputazione delle imprese durante il Covid19, segnalando le azioni messe in campo per trasformare le criticità in opportunità di rilevanza sociale. Il punto di partenza è stato l’impatto che l’emergenza sanitaria ha avuto sui comportamenti delle aziende e sulla loro reputazione secondo i cittadini italiani. L’analisi ha dimostrato una leadership riconosciuta a quelle aziende che si sono mosse meglio delle Istituzioni nella gestione di questa crisi senza precedenti. In poche parole le aziende che hanno dimostrato un elevato tasso di resilienza. Molte imprese infatti si sono dimostrate determinanti nella definizione delle politiche per mettere in sicurezza persone e luoghi di lavoro, oltre a supportare l’emergenza con donazioni, riconversioni di produzione o mettendo a disposizione della collettività le proprie competenze. Facendo convergere le progettualità private e le finalità pubbliche nell’unico obiettivo di far ripartire l’economia.

La missione del consulente finanziario

E’ proprio in queste situazioni, nei momenti più difficili, che il ruolo di un consulente finanziario fa la differenza stando vicino (seppur lontano) ai clienti, aiutandoli ad affrontare le proprie emozioni, difficoltà e criticità finanziarie, personali e familiari. Anche quando eravamo confinati nelle nostre abitazioni preoccupati principalmente per la nostra salute, tuttavia l’amore, l’etica, la passione per il nostro lavoro ci ha dato la forza di continuare ad espletare la nostra missione, ovvero fungere da supporto e da guida per i nostri clienti e per i risparmiatori italiani in generale. Con il collega e amico D’Alessandro Alex abbiamo realizzato questo libro-guida di “sopravvivenza” e di educazione finanziaria arricchito dalla  prefazione di Christian Coletto per affrontare in modo vincente su risparmi e patrimoni gli effetti della pandemia. Per scaricare o richiedere una copia, vi invitiamo a consultare il seguente link: https://www.tutelapatrimoni.it/libro-gratuito-investimenti/

 

 

.

 

Questo articolo fa parte di una rubrica di Wall Street Italia dedicata ai consulenti finanziari che vogliono raccontare le loro esperienze e iniziative professionali. Se siete interessati a pubblicare una vostra storia scriveteci a: social.brown@triboo.it


L’autore è esclusivo responsabile del presente contributo, su cui non è eseguito alcun controllo editoriale da parte di Brown Editore S.r.l.. Il presente articolo non può costituire e non deve essere considerato in nessun caso una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma di investimento, ne raccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza