Viaggio, auto, casa: ad ogni sogno, il suo piano di risparmio

21 Gennaio 2023, di Alessandra Caparello

Quanti di noi colgono l’occasione per iniziare il nuovo anno con una serie di buoni propositi? Ebbene anche un piano di risparmio e gli investimenti sono spesso nella lista degli obiettivi del nuovo anno.

Un viaggio tanto sognato, l’ultimo modello di smartphone, un’auto nuova o l’acquisto della prima casa… ognuno ha il proprio sogno nel cassetto la cui realizzazione richiede impegno e sacrificio. Sognare in grande, però, purtroppo non basta. Occorre cominciare da subito ad adottare una serie di buoni comportamenti volti a migliorare la propria salute finanziaria. Mettere da parte una piccola quota dello stipendio ogni mese o investire una parte dei risparmi fermi sul conto corrente potrebbero sembrare azioni troppo semplici, ma se adottate con costanza nel tempo, aiutano realizzare i propri desideri. Gimme5 ha realizzato una simulazione pratica di alcuni dei desideri più comuni degli italiani che possono essere raggiunti con un piano di risparmio.

1° obiettivo: il viaggio dei sogni

Le spiagge delle Maldive o i grattacieli di Manhattan non sono irraggiungibili: cominciando oggi a mettere da parte 100 euro al mese per due anni, senza mai saltare un accantonamento, a dicembre 2024 si otterrebbe un gruzzolo di 2.400 euro. Considerando, però, l’effetto dell’inflazione che erode il potere d’acquisto dei risparmi, la somma accantonata avrebbe un valore reale di 2.355 euro, con una perdita di valore del 2% circa.

Se invece di lasciare fermo il denaro sul conto corrente, questa somma mensile fosse investita in un fondo comune composto in egual misura da titoli governativi e obbligazioni (dato l’arco temporale di breve periodo è più indicato optare per soluzioni di investimento con minori livelli di volatilità), a dicembre 2024 il capitale potrebbe raggiungere i 2.433 euro, con un guadagno del 3,3%.

2° obiettivo: auto nuova

Se sogniamo più in grande, ad esempio un’auto nuova, cominciando oggi a risparmiare 150 euro al mese per 5 anni, a dicembre 2027 si raggiungerebbe la somma di 9.000 euro, il cui valore reale, però, a causa dell’inflazione ammonterebbe solo a 8.575 euro (con una perdita di valore di circa il 5%). Se, invece, il capitale risparmiato fosse investito mensilmente in un fondo composto per il 25% da titoli governativi, per il 35% da obbligazioni e per il 40% da azioni, dopo cinque anni si potrebbe disporre di 9.700 euro, registrando un guadagno del 13% circa.

3° obiettivo: prima casa

L’ultimo obiettivo considerato dalla simulazione è anche il più ambizioso: l’anticipo del mutuo per l’acquisto della prima casa, da realizzare entro un orizzonte temporale di 10 anni. Se a gennaio 2023 si iniziasse a risparmiare una somma di 200 euro al mese per 10 anni consecutivi, a dicembre 2032 si avrebbe a disposizione un gruzzolo di ben 24.000 euro.

Purtroppo, però, anche in questo caso occorre fare i conti con il potere erosivo dell’inflazione, che abbassa il valore reale della somma risparmiata a 21.788 euro (con una perdita del 9% circa).

Dato l’ampio arco temporale che si ha a disposizione, però, la somma risparmiata potrebbe essere investita in questo caso in un fondo con una componente azionaria maggiore (20% obbligazioni e 80% azioni), potendo raggiungere in dieci anni la cifra di 30.342 euro, con un guadagno del 39% circa.