VENEZIA, IL MOLINO STUCKY RINASCE COME HILTON

7 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Venezia, 7 giu – E’ stato inaugurato oggi a Venezia il nuovo Molino Stucky, uno degli edifici-simbolo della città e quindi tra i più noti del mondo. Era chiuso da oltre mezzo secolo e nel 2003 era stato devastato da un incendio. La straordinarietà del Molino – che sorge sull’isola della Giudecca, all’imbocco del canale – è data dal fatto che rappresenta uno dei più impegnativi restauri di archeologia industriale mai effettuati e ora è uno dei più grandi alberghi a 5 stelle lusso d’Europa. La società Acqua Marcia, che ha rilevato la struttura col progetto di recuperare l’antica area, ha investito più di 200 milioni, per un valore complessivo della struttura finita di 450-500 milioni. La gestione dell’hotel è stata affidata alla Hilton International. L’albergo Hilton Molino Stucky Venice ha 380 camere tra cui 9 SPA Rooms e 40 Suite. Sono inoltre presenti 2 ristoranti e 4 bar, aperti sia agli ospiti interni che esterni, una SPA con area beauty & wellness e una piscina panoramica sul tetto. Il complesso ospita anche il centro congressi, con una superficie complessiva di 2.600 mq e una capacità di 2000 persone. Il Molino, interamente costruito in laterizi, nacque per volontà di Giovanni Stucky – uno svizzero di origini veneziane – e nell’ Ottocento arrivò a macinare 2500 quintali di farina al giorno, dando lavoro a 1500 operai e operando 24 ore su 24. La sua famosa facciata è stata per oltre un secolo il simbolo dell’architettura industriale e neogotica italiana.