Usain Bolt rovinato: vittima di una truffa da milioni di dollari

18 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

Usain Bolt, l’ex velocista giamaicano leggendario dell’atletica mondiale degli anni 2000, ha denunciato la scomparsa di milioni di dollari dai suoi conti correnti. Nugent Walker, manager di lunga data di Bolt, ha confermato che è in corso un’indagine sui fondi mancanti e che le autorità giamaicane, inclusa la Commissione per i servizi finanziari della Giamaica, stanno indagando.

La società di investimento locale Stocks and Securities Limited (SSL), che deteneva il conto, ha allertato la polizia e ha iniziato un’indagine sui fondi mancanti. Walker ha dichiarato che Bolt ha notato per la prima volta le discrepanze mercoledì e che sono state prese tutte le misure necessarie per venire a capo della situazione. Tuttavia, non è stato rivelato quanti soldi sono coinvolti nel caso.

La Commissione per i servizi finanziari della Giamaica ha dichiarato di aver incaricato SSL di impegnarsi in un “processo di supervisione rafforzata” per garantire una “visione completa dell’integrità delle transazioni condotte, compreso il movimento di fondi e titoli in entrata e in uscita da SSL”. “L’FSC continuerà simultaneamente le sue indagini su questioni relative a SSL”, ha aggiunto il portavoce.

Usain Bolt, considerato il miglior velocista di tutti i tempi, si è ritirato dall’atletica nel 2017 e nel 2019 ha dichiarato di volersi ritirare da tutti gli sport per concentrarsi sulle sue iniziative imprenditoriali, tra cui la società Champion Shave, la società di scooter elettrici Bolt Mobility e la catena di ristoranti Tracks & Records. Nel 2018, secondo “Forbes”, Bolt guadagnava 31 milioni di dollari all’anno grazie a grandi accordi di sponsorizzazione da parte del gigante dell’abbigliamento sportivo Puma e aveva un patrimonio netto di circa 90 milioni di dollari.