Usa, traffico aereo bloccato per un guasto. Cosa è successo

12 Gennaio 2023, di Alessandra Caparello

Passerà alla storia il blocco dei cieli avvenuto ieri, con migliaia di voli in Usa ritardati dopo che un guasto al sistema di allerta dei piloti della Federal Aviation Administration (FAA), provocando un blocco delle partenze a livello nazionale.

Cosa è successo ai voli Usa

La FAA ha revocato l’interruzione dei voli in partenza dopo il ripristino del sistema Notice to Air Missions (NOTAM), responsabile dell’invio di messaggi ai piloti, come quelli relativi a piste chiuse, pericoli e altre informazioni. L’interruzione dell’attività della FAA è stata la seconda grande interruzione del traffico aereo negli Usa in meno di un mese e ha suscitato critiche bipartisan. Le tempeste invernali hanno colpito i viaggi per le vacanze a fine dicembre, provocando cancellazioni varie e una crisi alla Southwest Airlines dopo tutti i cambi di orario.

Il sistema NOTAM si è guastato alle 15:28 di martedì, secondo una nota della FAA. Il problema è stato causato da un file di sistema corrotto, secondo quanto riferito da persone che hanno familiarità con la questione. La FAA pensava che il problema fosse stato risolto, ma non lo era, così l’agenzia ha deciso di riavviare completamente il sistema e mercoledì mattina ha ordinato un ground stop, che blocca gli aerei in partenza. NOTAM ha un sistema di backup, ma sia il sistema primario che quello di backup sono stati alimentati dai dati errati

Il Segretario ai Trasporti Usa Pete Buttigieg ha dichiarato di aver “diretto un processo di post-azione per determinare le cause principali e raccomandare i prossimi passi” dell’insolita interruzione.

Secondo il tracker FlightAware, più di 9.500 voli statunitensi hanno subito ritardi a partire dalle 16:45 di mercoledì. I ritardi residui dovuti allo stop a terra sono peggiorati nel corso della giornata.

Più di 1.300 voli sono stati cancellati in Usa e secondo la società di dati aeronautici Cirium, era no previsti più di 23.000 voli da, per e all’interno degli Stati Uniti. Diverse compagnie aeree hanno rinunciato alle spese di cambio e alle differenze tariffarie per i viaggiatori colpiti dall’interruzione.

La Casa Bianca ha dichiarato che il Segretario ai Trasporti Pete Buttigieg ha informato il presidente Joe Biden sull’interruzione del servizio.

Attacco hacker?

Successivamente l’agenzia canadese per la navigazione aerea ha dichiarato che il suo analogo sistema di notifica ha subito una breve interruzione, ma che nessun volo ha subìto ritardi. Il sistema è stato ripristinato intorno alle 14:15 di ieri.

Il problema della FAA si è aggiunto alle preoccupazioni espresse a Washington sia dai repubblicani che dai democratici, in particolare per la tecnologia su cui si basa il complesso sistema aereo statunitense, il più trafficato al mondo.

“Mentre la commissione si prepara alla legislazione di ri-autorizzazione della FAA, esamineremo le cause di questa interruzione e il ruolo della ridondanza nella prevenzione di future interruzioni”, ha dichiarato la senatrice Maria Cantwell, D-Wash, presidente della commissione Commercio del Senato, in un comunicato. Il pubblico ha bisogno di un sistema di trasporto aereo resistente”.

Sara Nelson, presidente dell’Associazione degli assistenti di volo (Association of Flight Attendants-CWA), che rappresenta il personale di cabina di United, Spirit e di oltre una dozzina di altri vettori, ha chiesto maggiori finanziamenti per la FAA. “Scopriremo di più sulle cause del problema nei prossimi giorni, ma ciò che è chiaro è la necessità di finanziamenti solidi e stabili quest’anno per portare il nostro sistema di aviazione nel 21° secolo”, ha dichiarato. “Non possiamo permetterci un’altra chiusura del governo o un’altra copertura finanziaria”.

L’anno scorso le compagnie aeree e il Dipartimento dei Trasporti si sono spesso accusati a vicenda per le centinaia di interruzioni dei voli che hanno colpito i viaggiatori, soprattutto in primavera e in estate. I dirigenti delle compagnie aeree si sono lamentati che l’insufficienza del personale addetto al controllo del traffico aereo era in parte responsabile delle interruzioni.

Il blocco arriva poche settimane dopo che il maltempo, durante il periodo festivo, ha provocato interruzioni di volo di massa in tutti gli Stati Uniti e, giorni dopo, più di 15 mila cancellazioni di voli Southwest dopo che i sistemi interni del vettore non sono stati in grado di elaborare tutti i cambiamenti di orario.

Southwest ha cancellato alcuni voli per evitare ulteriori disservizi. Alle 17.00 di ieri, più di 400 dei suoi voli erano stati cancellati, ovvero il 10% del programma, mentre la metà, più di 1.900, erano in ritardo, secondo FlightAware. Più di un terzo dei voli principali di Delta e United hanno subito ritardi, mentre circa il 50% di quelli di American erano in ritardo. Anche i loro partner regionali hanno registrato ritardi significativi.

E c’è chi ipotizza che in realtà si sia trattato di un attacco hacker. “Al momento non ci sono prove di un attacco informatico, ma il presidente ha ordinato al Dipartimento dei Trasporti di condurre un’indagine completa sulle cause”, ha dichiarato in un tweet l’addetta stampa della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre.

Certo è che nell’ultimo anno, a seguito dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, gli attacchi informatici si sono moltiplicati a riprova che il conflitto non è solo via terra e mare, ma anche in ambito finanziario.

Subito dopo lo scoppio della guerra, l’Agenzia italiana di cybersecurity aveva parlato di attacchi hacker e dalla Russia arrivavano notizie sui primi attacchi che avevano colpito le istituzioni di Mosca, con offensive che hanno riguardato i siti web della camera alta del Parlamento e del Cremlino. Lo scorso ottobre, la principale agenzia di intelligence russa aveva lanciato un altro cyber attacco contro le reti informatiche del governo, delle aziende e dei think-tank degli Stati Uniti, come ha riportato il New York Times, citando funzionari dell’azienda informatica Microsoft.