UK, Lord Rotschild: periodo peggiore da crisi canale di Suez

5 Marzo 2019, di Alessandra Caparello

In dieci anni il 2018 è stato l’anno più difficile e insidioso. A dirlo Lord Rothschild, presidente del fondo di investimento da 3,2 miliardi di sterline RIT Capital Partners che ha dichiarato di aspettarsi una continua volatilità del mercato con il Regno Unito di fronte alla “peggiore situazione politica dalla crisi di Suez”.

Pubblicando i risultati finanziari per l’anno conclusosi il 31 dicembre 2018, nonostante la fiducia sia tornata appena allo 0,8% rispetto al 2018, il presidente Lord Rothschild ha dichiarato di essere soddisfatto dell’obiettivo a lungo termine di preservare il capitale degli azionisti. RIT Capital Partners è stata in grado di produrre un rendimento positivo, anche se piccolo, grazie alla riduzione della sua esposizione azionaria nel quarto trimestre che ha visto gli indici azionari globali diminuire del 13%.

“Il 2018 è stato l’anno più difficile e insidioso per gli investitori dal 2008, con rendimenti negativi in ​​tutte le principali asset class. I pericoli legati alla detenzione di attività inflazionate da bassi tassi di interesse e allentamento quantitativo sono ora visibili a tutti. Durante l’anno, pertanto, abbiamo gestito la nostra asset allocation per mantenere un’esposizione netta ai livelli inferiori delle nostre gamme storiche con livelli di liquidità più elevati del solito “

Da inizio anno, ha sottolineato il presidente, i mercati azionari hanno mostrato guadagni significativi, tuttavia rimane cauto sulle prospettive future, con timori sull’accumulo di rischi al ribasso.

La crescita globale è in calo, con il Fondo Monetario Internazionale che ha ulteriormente ridotto le sue previsioni. La crescita del PIL cinese più debole in quasi tre decenni ha chiaramente un impatto su altri paesi, mentre la produzione manifatturiera tedesca si è contratta per la prima volta in quattro anni. I dati di vendita al dettaglio più recenti negli Stati Uniti inducono a ritenere che l’economia troverà difficile ripetere i risultati del bilancio dell’anno scorso: in questo contesto di indebolimento, i rischi geopolitici non si sono attenuati. Stiamo assistendo sicuramente alla peggiore situazione politica nel Regno Unito dopo la crisi di Suez, mentre i disordini sociali e il populismo in alcuni paesi europei offuscano il futuro. Pertanto prevediamo una prosecuzione della maggiore volatilità del mercato”.