Ue boccia salvataggio Tercas. E su quattro banche dà responsabilità a Renzi & Co.

23 Dicembre 2015, di Laura Naka Antonelli

ROMA (WSI) – Lo ha annunciato lo stesso Mef, Ministero dell’Economia e delle Finanze: la Commissione Ue ha bocciato, in quanto ritenendolo un aiuto di Stato, l’intervento con cui, nel 2014, il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (FITD) ha aiutato Banca Tercas, in relazione all’acquisizione di questa da parte della Banca Popolare di Bari.

“A seguito di una indagine approfondita, la Commissione ha concluso che tale intervento costituisce un aiuto di Stato non compatibile con la disciplina europea”.

“La Commissione europeamodificando il proprio orientamento, ha parificato l’intervento del FITD a una misura di supporto pubblico. Infatti la Commissione europea ha ritenuto, nonostante che il FITD sia costituito da risorse private, che i suoi interventi siano imputabili allo Stato italiano in ragione dell’approvazione ex post da parte della Banca d’Italia delle decisioni che li dispongono e dell’obbligatorietà dell’adesione al Fondo. Affinché l’intervento del Fondo, qualificato come aiuto di Stato, potesse essere considerato compatibile con la disciplina europea, sarebbe stata necessaria la previsione di misure di contenimento della distorsione alla concorrenza, tra le quali, in particolare, la condivisione degli oneri da parte dei detentori di obbligazioni subordinate (c.d. burden-sharing)”.

Dunque, cosa accadrà ora?

“Il FITD anche su suggerimento e impulso del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha istituito un meccanismo completamente volontario, con una gestione distinta da quella con cui sono assunte le decisioni a tutela dei depositanti, e finanziato con risorse diverse dalle contribuzioni obbligatorie. Il meccanismo volontario, per definizione non assoggettabile ai vincoli previsti per gli aiuti di Stato, provvederà a replicare il precedente intervento, restituendo alla Banca Tercas l’intero ammontare delle risorse che questa dovrà retrocedere al FITD in esecuzione della decisione della Commissione”.

“L’intervento del meccanismo garantirà la piena continuità finanziaria e operativa di Banca Tercas, neutralizzando le conseguenze negative della decisione della Commissione europea“.

Insomma,  il Tesoro afferma che in termini pratici la bocciatura della Ue al salvataggio di Banca Tercas, rilevata poi dalla Popolare Bari, da parte del Fondo interbancario di Tutela Depositi, “non avrà nessuna conseguenza negativa” perchè “è già pronto l’intervento di un fondo volontario del sistema bancario” che metterà le risorse che Tercas dovrà restituire.

Fonti del Mef rispondono come il caso di questa quinta banca dimostri come l’Italia abbia le mani legate. E riportano alle agenzie di stampa:

“La decisione Ue su Tercas spiega che il fondo interbancario è aiuto di stato e implica “la risoluzione” della banca aiutata. Questo risponde alle polemiche di chi diceva che il governo italiano avrebbe potuto scegliere il fondo interbancario per ricapitalizzare le altre 4 banche salvate”.

Da segnalare che la Popolare di Bari ha rimborsato 55 milioni di obbligazioni subordinate Tercas.

Oggi il servizio del Portavoce della Commissione europea ha spiegato con una nota il contenuto della letterache era stata inviata al governo italiano dalla commissaria Ue alla Concorenza, Margrethe Vestager, e dal commissario alla Stabilità finanziaria, Jonathan Hill, lo scorso 19 novembre.

Tale missiva, precisa la nota, intendeva “definire sotto l’aspetto giuridico l’uso di un fondo obbligatorio di garanzia dei depositi per ricapitalizzare le quattro banche”.  Ribadita nella nota la contrarietà della Commissione Ue a utilizzare il Fitd, ovvero il Fondo interbancario di tutela dei depositi, per procedere alla ricapitalizzazione delle quattro banche.

“Se uno stato membro opta per lo schema di garanzia dei depositi per ricapitalizzare una banca, è soggetto alle regole Ue sugli aiuti di stato. Dunque, “se la valutazione porta a concludere che l’uso di questo schema è aiuto di stato, scatterà la risoluzione della direttiva Brrd (quella sulla ristrutturazione degli istituti di credito)“.  Se invece si tratta di “un puro intervento privato”, la risoluzione non scatta.

In ogni caso, la Commissione Ue ritiene che sia stata l’Italia a decidere sulle quattro banche e dunque a far scattare il bail in. Ma su questo punto il governo non è d’accordo, in quanto sembra che Renzi & Co. fossero convinti di poter salvare gli istituti di credito senza ricorrere alla risoluzione, dunque senza far scattare il bail in, che ha mandato in fumo i risparmi di azionisti e detentori di obbligazioni subordinate.

La nota continua:

“E’ stata una decisione delle autorità italiane quella di ristrutturare le banche usando il Fondo di risoluzione”. E “se altre banche decidono da sole di intervenire in un meccanismo pienamente privato, questo esula dal campo di applicazione del controllo Ue sugli aiuti di Stato”. Tra l’altro,  già “in precedenza, in diversi casi in Italia, Spagna e Polonia, la Commissione aveva concluso che l’intervento da parte di fondi di garanzia obbligatori (al fine di salvare le banche) equivaleva a un aiuto di Stato“, anche se poi quegli interventi erano stati approvati dall’Antitrust comunitario “perché in linea con le regole sugli aiuti di Stato” vigenti.

Tornando anche al caso della banca Tercas, la stessa commissaria Ue alla concorrenza Margrethe Vestage ha sottolineato:

“Niente impedisce alle altre banche di mettere a disposizione fondi propri in casi di questo genere, decidendo su base volontaria e senza alcuna ingerenza dello Stato, e sono lieta che stiano valutando la possibilità di intervenire a favore di Banca Tercas”.