Ucraina, tregua violata. “Russia pagherà le conseguenze”

19 Febbraio 2015, di Redazione Wall Street Italia

PARIGI (WSI) – I leader di Russia, Ucraina, Francia e Germania hanno denunciato la violazione del cessate-il-fuoco nell’est dell’Ucraina nel corso di una conference call.

Lo ha annunciato l’Eliseo. Le forze occidentali hanno avvertito che in caso di violazione dell’accordo di pace momentanea, Mosca avrebbe pagato le conseguenze. Joe Biden, il vice del presidente Usa, aveva minacciato l’inasprimento delle sanzioni economiche contro il Cremlino.

“I quattro leader hanno chiesto la realizzazione del pacchetto completo di misure concordate a Minsk il 12 febbraio”, compreso un cessate-il-fuoco totale, il ritiro degli armamenti pesanti e il rilascio dei prigionieri, ha annunciato la presidenza in una nota.

Per far rispettare la tregua stabilita con i separatisti filo russi il 12 febbraio scorso, il presidente ucraino Petro Porsenko ha chiesto all’Onu di inviare i caschi blu nella zona orientale del paese minacciata dai continui combattimenti.

In una riunione di emergenza convocata dal leader ucraino con i vertici di sicurezza delle Nazioni Uniti, Porosenko ha dichiarato che la forza internazionale contribuirebbe a garantire la sicurezza “in una situazione in cui la promessa di pace non viene mantenuta”.

Nei giorni scorsi il fronte più caldo del conflitto si è confermato l’hub commerciale Debaltsevo, dove le truppe governative di Kiev sono rimaste completamente circondate dai ribelli e dove sono continuati violenti scontri con i separatisti filorussi negli ultimi giorni.

Se le prime cifre fossero confermate, si sarebbe trattata di un’ecatombe: “tra 3.000 e 3.500 militari ucraini sono stati uccisi durante l’assedio di Debaltsevo” da parte dei ribelli filorussi, ha annunciato il leader della della autoproclamata repubblica popolare di Donetsk Alexander Zakharchenko.

“Purtroppo, le autorità ucraine non hanno accettato di deporre le armi. Tra 3.000 e 3.500 militari ucraini sono stati uccisi durante l’assedio” di Debaltsevo, ha specificato Zakharchenko, dicendo che Kiev ora “può riprendersi” i corpi delle sue vittime.

I militari ucraini hanno iniziato a ritirarsi da Debaltsevo, città ora circondata dalle milizie filorusse.

(DaC)