Tsunami di default in questo settore metterà banche ko?

4 Marzo 2016, di Daniele Chicca

NEW YORK (WSI) – Sul mercato delle navi da carico la situazione si confermerà disperata per almeno altri due anni, con diverse società che pagheranno l’eccesso di offerta travolte da uno tsunami di fallimenti. È quanto ha affermato il numero uno di Golden Ocean Group, Herman Billung, in occasione di una conferenza sul settore che si è tenuta a Oslo.

A pagare lo scotto saranno anche le banche esposte al mercato dei noli e non solo del petrolio, in particolar modo banche europee, che hanno erogato prestiti alle suddette aziende che in diversi casi si trasformeranno in bad loans, ovvero crediti deteriorati.

La forte crisi del mercato zavorrerà ulteriormente un comparto bancario che in alcuni casi, come si vede chiaramente in Europa, già arranca. Cosi Billung:

“Nei prossimi mesi ci sarà un’ondata di bancarotte e tutti parleranno del rischio della controparte (..) Il mercato non è mai stato così negativo se si fa riferimento alla storia moderna. Non abbiamo assistito a un mercato tanto negativo dall’era dei Vichinghi. La situazione non è sostenibile per nessuno e provocherà cambiamenti drammatici”.