Wall Street su nuovi record, Trump firma nuovi aiuti anti-Covid

28 Dicembre 2020, di Alberto Battaglia

Dopo giorni di attesa, Donald Trump ha deciso di firmare il provvedimento di aiuti economici anti-covid da 900 miliardi di dollari complessivi che lo stesso presidente aveva definito una “disgrazia”.

Lo sblocco della situazione, in ogni caso, ha dato l’attacco a un nuovo deciso rialzo per i listini americani, che si portano su nuovi record intraday nel corso della seduta di lunedì 28 dicembre. Trump ha sollecitato un importante ritocco verso l’alto sui sussidi mensili di disoccupazione previsti dalla legge, con un incremento da 600 a 2000 dollari. Una proposta che ha già raccolto il consenso del partito democratico, le cui posizioni sono sempre state le più “generose” rispetto a quelle delle controparti repubblicane.

Sarà da monitorare la reazione al Senato da parte del Gop, la componente maggioritaria dell’assemblea, che nelle scorse settimane si era opposta a un sussidio da 1.200 dollari e che ora viene invitata dal “suo” presidente ad avallarne uno da 2.000. Durante i negoziati, i repubblicani del Senato avevano dimostrato le proprie preoccupazioni per il deficit che questi sussidi andrebbero a creare nel bilancio federale.
In una dichiarazione di plauso alla firma del presidente, il senatore Mitch McConnell, il leader della maggioranza, non ha fatto menzione dei pagamenti di 2.000 dollari richiesti da Trump.

I nuovi record di Wall Street

Intorno alle 18 e 40 italiane il Dow Jones si trova in rialzo dello 0,69%, l’S&P500 dello 0,90% così come il Nasdaq Composite. Dall’inizio dell’anno le prestazioni dei tre indici sono rispettivamente intorno al 7, al 16 e al 44% – è stato senza dubbio il Nasdaq l’indice che ha più approfittato del contesto aperto dalla pandemia del Covid-19.

Nella seduta di oggi procede in netto rialzo il comparto del trasporto aereo, che riceve con entusiasmo la notizia del volume di passeggeri, che ha toccato con 1.284.599 persone controllate dalla Transportation Security Administration, il record dall’inizio della pandemia. Bene anche le compagnie attive nel settore crocieristico come Carnival, Norwegian Cruise, Royal Caribbean.