Trading: il video sulla storia dei Treasuries da crack Lehman a flash crash bond

19 Novembre 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Sta facendo il giro di tutto il mondo il video che narra la storia del mercato dei Treasuries americani dal 2008, nel pieno della crisi finanziaria globale scatenata dal crack di Lehman Brothers al 5 novembre del 2014, dunque fino a pochi giorni fa.

Focus su due eventi rilevanti: quello che risale al 6 maggio del 2010, quando si verificò il flash crash dell’azionario, e quello relativo all’altra seduta storica per il comparto; quella dello scorso 15 ottobre, quando a causa degli ordini di trading ‘flash’ ad alta frequenza, i tassi hanno registrato le oscillazioni più ampie degli ultimi 25 anni.

In quella data, forte è stato il collasso dei tassi, in quello che è stato denominato il “Treasury flash crash of October 15”.

I money managers hanno avvertito che il mercato dei titoli di stato Usa, del valore di $12.400 miliardi, sta diventando meno liquido, il che significa che non è più facile riuscire a scambiare i bond tanto velocemente e facilmente come in passato.

Per capire i movimenti più importanti dei Treasuries, basta il video di cui sotto, che mostra la storia giornaliera della liquidità del mercato dei Treasuries; particolare enfasi viene data sia al flash crash azionario verificatosi nel maggio del 2010 che al bond crash dell’ottobre di quest’anno.

Così come spiegato, ogni linea rappresenta la somma dei principali tre livelli di profondità del contratto sui futures a 10 anni CME T-Note, per ogni secondo compreso tra le 3.00 e le 16 ora di New York. Ogni scatto corrisponde a un giorno di contrattazioni.

Il livello della linea mostra approssimativamente quanti contratti è stato possibile acquistare o vendere immediatamente senza scatenare movimenti nei prezzi superiori a rialzi di 3 tick. Più alta la linea, maggiore la liquidità sul mercato.

Per creare questo video sono stati presi in considerazione 3,3 miliardi di dati, relativi a 1.708 giorni di contrattazione che vanno dal 3 gennaio del 2008 fino al 5 novembre del 2014.

(Lna)

Leggi anche

Bond Usa, scambi ‘flash’ rendono mercato inaffidabile e volatile