Tra rischio bolla e avvertimenti Pil Giappone balza +3,5%

16 Maggio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il nome della ricetta è ormai noto a tutto il mondo: è l’Abenomics, l’insieme delle misure di politica monetaria e fiscale espansive che sono state lanciate dal premier Shinzo Abe che, da quando si è insediato nell’autunno scorso alla guida del governo giapponese, ha lanciato una dura battaglia contro la deflazione e la stagnazione che hanno caratterizzato l’economia del paese da decenni.

Maxi iniezioni di liquidità da parte della Bank of Japan hanno portato a una svalutazione massiccia dello yen. Ma i giapponesi, nonostante gli avvertimenti sul rischio bolla arrivati da più parti, sono andati avanti. Oggi, la pubblicazione dell’esito delle loro riforme.

Nel corso del primo trimestre il pil è cresciuto +0,9% su base trimestrale e +3,5% su base annua, contro previsioni degli analisti che erano più caute, pari rispettivamente a +0,7% e +2,8%.

Il tasso di crescita è il più elevato in più di un anno, grazie alla ripresa delle spese per consumi – i consumi privato incidono sul pil giapponese per il 60% – e le esportazioni.

L’Abenomics ha portato la borsa di Tokyo, il Nikkei 225 Stock Average a balzare +45% quest’anno, più del doppio dello S&P 500.