Mercati

Torna febbre hi-tech. Investimenti ETF record da 2013

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

NEW YORK (WSI) – Gli investitori tornano a puntare sul settore tecnologico, sulla scia di segnali che indicano il recupero, almeno negli Stati Uniti, dell’economia.

Notevoli i flussi di investimento nel settore. In particolare Powershares QQQ Trust, il più grande ETF che replica la performance del Nasdaq 100, ha ricevuto $1,5 miliardi soltanto la scorsa settimana; si tratta del record dal luglio del 2013, stando ai dati che sono stati compilati da Bloomberg.

Basti pensare inoltre che l’indice S&P 500 Information Technology è in rialzo +15% da inizio 2014, ed è dietro solo in termini di performance agli indici di settore delle utility e farmaceutici.

Il titolo che pesa di più sull’indice è Apple, +36% da inizio anno; altri titoli sono Microsoft e Intel che hanno segnato rally +30% circa.

Intervistato da Bloomberg Brian Belski, responsabile investment strategist di BMO Capital Markets, ritiene che l’ottimismo su società che vanno da Apple a Broadcom pagherà. “Queste sono aziende caratterizzate da bilanci solidi, valutazioni appetibili, e sono diventate parte del mondo dei consumatori e corporate ovunque”, ha commentato Belski da New York.