Tik Tok sbarca tra i consulenti finanziari

25 Febbraio 2020, di Ilaria Sangregorio

Come ben sapete la curiosità è il motore della conoscenza, dell’innovazione e del voler fare. Sarò onesta, non credo che presidiare tutti i social ad ogni costo sia la soluzione ad ogni problema. Quando alcuni consulenti finanziari mi han chiesto un parere su uno dei nuovi social made in China (Tik Tok) ho sempre storto il naso, non l’ho mai visto un social adeguato o indispensabile alla professione. Ma a quanto pare le vie del Signore sono infinite e così lungo il mio cammino digitale mi sono imbattuta nel profilo di Marco Valentinsig, un ragazzo che ha iniziato a “smanettare” all’età di 15 anni dapprima come admin per diversi forum in ambito entertainment,  poi come VJ (visual jockey) sotto un’etichetta discografica berlinese dopo essersi diplomato in informatica come programmatore. Profilo eclettico, insomma. E’ stato proprio lui a farmi ricredere su Tik Tok. Guardate perché…


Tik Tok è la “nuova” piattaforma che impazza soprattutto tra i giovani, una sorta di collettore di brevissimi video amatoriali in cui si alternano coreografie a lip-sync. Secondo te, da cosa è dipeso un così imprevedibile successo?

Tik Tok sta registrando un enorme successo poiché è in grado di catturare l’attenzione delle persone in poche mosse. I contenuti video possono essere usufruiti a schermo intero pertanto la concentrazione degli utenti è totale ma soprattutto continua perché – a differenza di un qualsiasi altro contenuto – il formato video è estremamente più coinvolgente. Anni fa abbiamo assistito ad una svolta in ambito social grazie all’introduzione delle “stories” da parte di Instagram, le quali hanno contribuito a migliorare notevolmente la piattaforma, agevolando la comunicazione e aumentando il tempo di rimanenza degli utenti all’interno del social.

Le storie hanno cambiato radicalmente anche l’advertising perché sono diventate il contenuto di maggior interesse, hanno ampliato l’esperienza degli utenti rendendo la navigazione più piacevole. Ecco, Tik Tok è come se fosse un social media basato interamente sulle stories. Un ulteriore aspetto da tenere in considerazione è la realtà aumentata che permette di creare un’ulteriore upgrade dei contenuti; i risultati video sono unici e riescono a stimolare positivamente le ore spese nella piattaforma.

 

Come funziona?

Inizialmente il suo funzionamento risulta complesso ma sono sufficienti pochi minuti per entrare in confidenza con l’interfaccia. Una volta aperta l’app ci si ritrova automaticamente nella sezione “Per Te”, ovvero l’home page di Tik Tok, chiamata anche “pagina virale” perché al suo interno vengono mostrati continuamente i video più apprezzati. Ci sono poi altre tre sezioni:

  • una destinata alla ricerca (Scopri) dove è possibile trovare altri utenti, nuovi trend, note musicali di tendenza ed emergenti;
  • la sezione dedicata alle notifiche (in arrivo);
  • la sezione dedicata al proprio profilo;

Una navigazione dunque estremamente semplice composta da quattro sezioni in cui è possibile muoversi con estrema facilità. Con il pulsante colorato (+) è possibile poi registrare video attraverso la fotocamera frontale o posteriore, regolando la velocità, inserendo filtri o maschere e – grazie alla realtà aumentata – equipaggiare ulteriormente il video con una traccia audio, reperibile all’interno di una libreria dotata di migliaia di brani aggiornati costantemente.

 

Esistono “attività alternative”?   

Tik Tok non consente ulteriori attività alternative ma al suo interno si stanno delineando molte tipologie video: tutorial, recensioni, trailer cinematografici, game play e molto altro. I contenuti sono di vario genere, informativo, visivo, tecnico, professionale, personale, commerciale. È un social davvero “flessibile”. Una delle funzioni principali presenti sin da subito sono state le dirette, ciò vuol dire che la piattaforma è disponibile per lo streaming; gli utenti hanno interpretato questa funzione in modi incredibilmente diversi, realizzando ad esempio delle vere e proprie lezioni live, filmando dal vivo eventi come concerti, sfilate e partite sportive. Tali azioni sono supportate da commenti e da una prima forma di monetizzazione che permette a chi avvia la diretta di guadagnare attraverso gli sticker che i follower inviano durante la live acquistati precedentemente all’interno dell’app.

 

Quanti italiani utilizzano questo social? Sapresti indicarci target e abitudini?

In Italia su Tik Tok sono presenti circa 6,5 milioni di persone e i nostri utenti sono in crescita del +202%. Il target italiano non abbraccia solo il pubblico più giovane ma è in forte incremento anche la fascia d’età 25-34 e quella dei 35+, infatti proprio grazie a queste ultime fasce di età il tempo speso sulla piattaforma è cresciuto del 76%. In Italia si pubblicano più di 200 video al minuto, con una buona affluenza nelle ore dei pasti e dopo cena. Dieci mesi fa, in Italia erano presenti solo ed esclusivamente video di balletti e lip sync perché i contenuti all’interno della piattaforma erano quelli già realizzati quando ancora l’app si chiamava Musically. La situazione ora è completamente cambiata: i contenuti informativi hanno preso il sopravvento e per questo motivo credo che la piattaforma si stia bilanciando molto bene lato business. In molti si iscrivono ora su Tik Tok per acquisire nuove informazioni relative al mercato o seguire i brand presenti che comunicano in modo “diverso” i propri prodotti e servizi trasmettendo un messaggio innovativo e di valore.

 

Pensi possa tornare utile ad esempio ai consulenti finanziari? In che modo?

Il settore Finance sta mutando rapidamente attraverso il digitale e su Tik Tok è decisamente avviato. L’hashtag #finance ha già raggiunto 75 milioni di utilizzi e ha dato il via a diverse sotto categorie di settore. Un altro hashtag noto all’interno della piattaforma è #personalfinance che vanta 53 milioni di utilizzi all’interno del quale troviamo molti consulenti finanziari i quali hanno realizzato contenuti informativi molto validi, volti a spiegare la finanza e a comunicare le loro strategie di business. Ho la fortuna di avere un padre private banker e mi capita spesso di parlare di questo insieme a lui. Su Tik Tok sono atterrati molti adulti, inizialmente allo scopo di “sorvegliare” l’attività social dei figli…successivamente sono diventati un pubblico attivo! Credo che Tik Tok possa essere utile ai consulenti finanziari sul fronte recruitment e della lead generation; è un social  che potrebbe implementare ulteriormente il proprio portfolio clienti.

 

TikTok potrebbe essere un ulteriore canale per avvicinare i giovani all’economia?


L’economia grazie ai social media è sicuramente più facile da comprendere.
Su Tik Tok ci sono già molti account che spiegano molto accuratamente questo settore. Mi viene in mente Cole Kelley (@mrcolekelley), un insegnante statunitense molto popolare tra gli adolescenti in America; su Tik Tok si occupa di alfabetizzazione finanziaria ed è molto bravo a spiegare in modo semplice l’economia di base attraverso piccoli video tutorial di fronte alla lavagna della sua classe. In Italia sarebbe opportuno insegnare già alle scuole superiori un po’ di finanza, capire come funziona il denaro, a cosa serve, qual è il suo valore o anche solo condividere informazioni ai fini di usare correttamente una carta di credito online. Gli anni passano ma nonostante ciò trovo che le scuole italiane non siano ancora all’avanguardia, per questo motivo social come Tik Tok possono tornare utili, in fondo sono un luogo in grado di catturare maggiormente l’attenzione dei giovani rispetto alle lezioni scolastiche! Il fatto che gli adolescenti siano consapevoli di come spendere i propri soldi è un lato che non andrebbe trascurato, la gestione del denaro è diventata fondamentale per l’amministrazione della propria vita, prima si acquisiscono queste competenze e prima si impara a vivere correttamente in questa realtà che è sempre più connessa ai nostri portafogli.

 

E’ possibile promuovere progetti di cultura finanziaria? 

Uno degli account che mi ha più colpito recentemente si chiama @performante ed è un Cryptocurrency Trader. In pochissimo tempo ha costruito una community affiatata che ama discutere di Bitcoin e di altre criptovalute dando consigli molto interessanti sull’andamento del mercato. E’ riuscito a distinguersi grazie alla capacità di promuovere il suo business (sito web e blog) attraverso il suo account Tik Tok; nonostante la tematica trattata sia molto tecnica, quasi sempre i video durano 15 secondi e sono di alta qualità sia da un punto di vista concettuale che creativo. E’ proprio questo che rende affascinante Tik Tok e lo contraddistingue dagli altri social: la comunicazione e le skills di ogni singolo professionista prendono forma in una chiave nuova, diversa ma fondamentalmente facile da capire perché rapida e schematica.

 

In ambito “finance”, sei riuscito ad individuare qualche influencer?

Ne ho incrociato alcuni che stanno ottenendo ottimi risultati su Tik Tok, quello però che ha catturato maggiormente la mia attenzione è @logicalfinance, un account improntato esclusivamente sulla finanza e che in pochissimo tempo ha raggiunto quasi 2 milioni di like e 140 mila follower. Personalmente lo seguo perché pubblica notizie a 360 gradi sul mondo della finanza; nel suo profilo è possibile trovare analisi di mercato, informazioni legate agli investimenti o addirittura commenti e considerazioni su casi finanziari. Ciò che mi lascia di stucco è che lo stesso utente sugli altri social media come Instagram o Youtube non ha un vero seguito, i numeri sono davvero irrisori; questo è quindi un chiaro esempio di come Tik Tok sia realmente utile e sia in grado di portare un valore aggiunto anche nel settore finanziario. Un altro account che sta riscontrando molto successo è @mainstreetwolf, la sua comunicazione ha un taglio trading proprio perché il profilo è gestito da un giovane trader che, in chiave moderna, esprime idee e consigli su come tradare efficacemente. Ci sono anche numerosi tutorial su come realizzare in Excel un riepilogo delle proprie vendite insieme a tante altre tabelle di gestione relative alla gestione della finanza personale. Questa nicchia sta crescendo rapidamente grazie a molti altri account tra cui @sam_jarman, @jt.franco, @chetjamesyt, @virtualbacon, @theinvestor_

 

Alcuni consigli per aiutare a capire e utilizzare al meglio Tik Tok.

  1. Prima di creare un contenuto è importante concentrarsi su cosa si vuole comunicare, una volta deciso è necessario proseguire su quella strada altrimenti l’algoritmo di Tik Tok penalizzerà notevolmente il profilo;
  2. Tik Tok non è Instagram quindi si gioca con regole diverse. Una volta scelto il concept bisogna investire un po’ di energie per capire come comunicarlo in modo semplice ma d’effetto;
  3. E’ opportuno trovare gli elementi in grado di catturare l’attenzione di un pubblico potenziale. Non esiste una formula uguale per tutti. La vera prova del nove avviene quando si pubblicano i primi contenuti perché saranno gli utenti all’interno della piattaforma a decidere quale contenuto ha valore;
  4. Iniziate e non soffermatevi troppo sulla forma iniziale, con il passare del tempo la qualità dei contenuti migliorerà di pari passo alle idee.

La finanza è un settore in costante mutamento, pertanto ogni giorno ci sono nuovi spunti, nuove idee e nuove considerazioni da poter attuare sulla piattaforma. È una nicchia in completa ascesa, ma come dice W. Buffet “Non investire mai in una azienda che non capisci”, suggerisco quindi di utilizzare la piattaforma, di viverla ogni giorno per comprendere pienamente il suo funzionamento.