Tether dovrà provare davanti a un giudice come è sostenuto USDT

22 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Un giudice statunitense ha ordinato a Tether di dimostrare cosa sostiene la sua stablecoin, come parte di una causa per manipolazione del mercato in cui si sostiene che i prezzi delle criptovalute siano stati gonfiati artificialmente da USDT.

Il giudice Katharine Polk Failla in un’ingiunzione del tribunale martedì ha chiesto a Tether di produrre documenti “indubbiamente importanti” relativi alla valutazione del sostegno di USDT con dollari USA. La corte ritiene che le prove siano necessarie per corroborare le affermazioni di Tether di mantenere un tesoro che sostiene pienamente la sua stablecoin.

Tether dovrà ora produrre documenti per stabilire le sue riserve USDT, inclusi estratti conto di banche e altre istituzioni collegate ai suoi fondi. Altri documenti includerebbero libri contabili generali, bilanci, rendiconti economici, rendiconti finanziari e rendiconti profitti e perdite. “Avevamo già concordato di produrre documenti sufficienti per stabilire le riserve a sostegno dell’USDT, e questa controversia riguardava semplicemente la portata dei documenti da produrre”, ha affermato la società in una nota.

USDT è la più grande stablecoin per capitalizzazione di mercato al mondo e il terzo asset digitale più grande in assoluto, dopo Bitcoin ed Ether, con quasi 68 miliardi di dollari in circolazione. La domanda su cosa sostiene esattamente ogni token ha perseguitato il progetto per anni; Tether inizialmente ha affermato che ogni token USDT era supportato 1 a 1 con dollari USA.

La questione Tether si infittisce sempre più

L’anno scorso, il procuratore generale di New York ha concluso un’indagine su Tether e sulla sua società madre Bitfinex con un accordo transattivo da 18,5 milioni di dollari. Il NYAG ha scoperto di aver mescolato i fondi dell’azienda e dei clienti per nascondere 850 milioni di dollari di perdite derivanti dall’azione della polizia su uno dei suoi partner di elaborazione dei pagamenti, Crypto Capital Corp.

Secondo il NYAG, ciò significava che USDT non era stato completamente garantito per un periodo di tempo successivo a novembre 2018. Tether ora afferma che i token USDT sono “sostenuti al 100% dalle sue riserve” e parte dell’accordo richiede che Tether presenti rapporti trimestrali dettagliati sulle sue riserve al NYAG, anch’essi pubblicati sul suo sito web .

Tuttavia, Tether ha resistito a una corsa alle sue riserve all’inizio di quest’anno poiché i mercati si sono affrettati a riscattare miliardi di dollari in USDT in contanti a causa del crollo dei prezzi. La società afferma di non aver mai negato di aver elaborato alcun rimborso, in particolare a causa della mancanza di liquidità.

Tuttavia, mentre le sue attestazioni e altri rapporti forniscono uno scheletro generale per le riserve di Tether, suddivise tra attività come titoli del Tesoro statunitensi e altri, depositi bancari e contanti, fondi del mercato monetario, la composizione specifica delle partecipazioni di carte commerciali (debito societario a breve termine) di Tether non è mai stato rivelato tramite un audit finanziario completo, il che rende ancora più interessante la recente ordinanza del tribunale per informazioni dettagliate.

La corte ha rilevato le accuse secondo cui Tether ha emesso USDT “completamente senza supporto e stampato dal nulla” e che questo “USDT senza supporto” è stato utilizzato per gonfiare il prezzo di Bitcoin tra gli exchange Poloniex e Bittrex.

Il rappresentante di Tether, Elliott Greenfield di Debevoise & Plimpton, aveva chiesto al tribunale di negare la richiesta “prematura e irragionevole”, affermando che i querelanti “non hanno mostrato alcuna buona causa” per chiedere documenti. Secondo Greenfield, le richieste “overroad” erano onerose in quanto riguardavano tutte le transazioni crittografiche associate a Poloniex e Bittrex.

“I ricorrenti non offrono alcuna giustificazione per tali richieste straordinarie, limitandosi ad affermare che devono valutare se le operazioni sono state strategicamente programmate per gonfiare il mercato”, ha aggiunto l’avvocato.

Ma il giudice ha negato l’avvocato di Tether, dicendo che la corte ha convenuto che i documenti richiesti dai querelanti affrontano il nucleo delle accuse.