Tesla: riduzione della produzione a Shanghai di oltre un terzo

11 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

Si prevede che lo stabilimento di assemblaggio di Tesla a Shanghai vedrà la sua produzione diminuire di oltre un terzo in questo trimestre rispetto al primo trimestre 2021 poiché le restrizioni di blocco zero-COVID del paese hanno causato danni alla produzione peggiori del previsto.

Tesla, pesano i lockdown in Cina

Il produttore di veicoli elettrici spera di produrre oltre 71.000 unità nello stabilimento di Shanghai questo mese, secondo una nota di produzione interna. La produzione totale nel secondo trimestre ammonterebbe quindi a 115.300 unità, dopo che la società ha riferito di aver prodotto 44.301 unità in aprile e maggio.

Secondo la China Passenger Car Association (CPCA), Tesla ha prodotto 178.887 veicoli nel primo trimestre nello stabilimento di Shanghai.

Il capo di Tesla, Elon Musk, ha dichiarato all’inizio di quest’anno che si aspettava che la produzione di veicoli nello stabilimento di Shanghai fosse in linea con il primo trimestre.

“È anche possibile che possiamo tirare fuori un coniglio dal cappello ed essere leggermente più alti”, ha detto in quel momento.

Diversi analisti hanno recentemente tagliato i loro obiettivi di prezzo sulle azioni Tesla, citando i blocchi cinesi che probabilmente peseranno sui ricavi e sui numeri di consegna per il secondo trimestre.

L’analista di Jefferies Philippe Houchois ha abbassato l’obiettivo di prezzo di Tesla a $1.050,00 (da $ 1.250,00).

“Abbiamo ridotto il volume dell’esercizio 85.000 unità, -5% a 1.415.000 (52% di crescita annuale delle unità) principalmente per una perdita di produzione di circa 30 giorni, il progressivo ritorno al lavoro entro la fine di giugno e l’avvio lento ad Austin. Le nostre stime calcolano che il quarto trimestre di Shanghai sia annualizzato a 950.000, con modeste produzioni FY di 50/75.000 unità ad Austin/Berlino”, ha scritto Houchois in una nota inviata ai clienti.