Superbonus 110%: il 27% degli italiani vuole rifare il cappotto termico

16 Luglio 2021, di Alberto Battaglia

Fra gli interventi volti alla riduzione dell’impatto ambientale, gli italiani dimostrano un certo interesse per il rifacimento del cappotto termico, che rientra fra i lavori che possono beneficiare del Superbonus 110% introdotto dal governo per rinnovare il patrimonio edilizio nazionale.

Superbonus 110%, gli interventi preferiti dagli italiani

Secondo un’indagine commissionata da Bluenergy e condotta da SWG su un campione di 1.500 adulti residenti in Italia il 27% degli italiani prevede di rifare il cappotto termico dall’abitazione nei prossimi due anni, mentre il 19% afferma che quest’ultimo sia già presente.
Questa propensione si raffronta con percentuali molto più ridotte per quanto riguarda il ricorso al fotovoltaico e l’installazione di colonnine elettriche, interventi già scelti rispettivamente solo dall’8% e il 3% degli intervistati.

L’indagine è andata anche a identificare le abitudini eco-friendly più diffuse fra gli italiani. La maggioranza assoluta degli intervistati (55%) dichiara di utilizzare già la doccia al posto della vasca da bagno, mentre il 14% è intenzionato a installare una doccia nei prossimi due anni. Il 40% degli intervistati, poi, dichiara di scegliere gli elettrodomestici ad alta classe energetica, mente un italiano su tre ha intenzione di abbandonare sistemi di riscaldamento a combustione; una quota analoga afferma di utilizzare tende parasole per favorire il fresco nelle stanze più esposte al sole (limitando l’uso dell’aria condizionata). Il 25% degli intervistati, poi, ha già scelto un fornitore di energia elettrica che utilizzi fonti rinnovabili e gas a impatto nullo o compensato, e il 26% intende farlo nei prossimi due anni.

Chi afferma di non aver potuto mettere in pratica queste accortezze e consuetudini motiva la sua scelta citando l’impegno economico (38%) e quello in termini di tempo ed energie (24%). Il 24% del campione afferma che potrebbe prendere in considerazione di effettuare alcuni interventi positivi per l’ambiente qualora fossero introdotti maggiori contributi economici da parte dello Stato oltre a quelli già esistenti.

“Il Superbonus 110% rappresenta un’occasione unica per interventi di riqualificazione del parco immobiliare italiano in una logica di sviluppo sostenibile e risparmio energetico. I dati SWG dimostrano quanto questi interventi siano necessari e auspicati”, ha commentato Alberta Gervasio, ad di Bluenergy Group, società che ha in carico oltre 100 progetti di riqualificazione energetica con la formula del Superbonus 110%. “Se da un lato sono evidenti i vantaggi per cittadini, dall’altro è fondamentale affidarsi a un partner specializzato che possa seguire tutti gli step dei lavori dalla progettazione alle pratiche amministrative, vista la complessa articolazione dell’iter per poter accedere ai benefici fiscali, garantendo la qualità dell’esecuzione dei lavori sia sotto il profilo tecnico che finanziario”, ha concluso Gervasio.